Arriva l’app per controllo green pass in azienda, partendo dal codice fiscale

Dal 15 ottobre
di Fabrizio Arnhold 11 Ottobre 2021 - 15:25

La nuova funzione dell’app, sviluppata da Sogei, consente di verificare la validità del certificato verde verificando un elenco di codici fiscali per evitare file all’ingresso dell’ufficio

Nessuna proroga, dal 15 ottobre per entrare in azienda servirà il green pass. Ci sono diverse perplessità sui controlli, soprattutto per aziende con un numero elevato di dipendenti. Chi controlla che la certificazione sia regolare? Il datore di lavoro, in teoria. Con una app sviluppata da Sogei che consente la verifica asincrona di un elenco di codici fiscali dei dipendenti e lavoratori. E chi non ha il green pass viene sospeso, senza percepire lo stipendio. Ma non rischia di essere licenziato.

L’APP PER IL CONTROLLO

Per controllare che il green pass sia valido, è stata introdotta una nuova funzionalità nell’app di Sogei, società Ict controllata dal ministero del Tesoro. Sarà possibile la verifica asincrona di un elenco di codici fiscali dei dipendenti. In questa maniera di eviterebbe il controllo giornaliero dei certificati.

LA QUESTIONE PRIVACY

Il datore di lavoro, quindi, ancora prima che il dipendente arrivi in azienda potrebbe controllare la validità del green pass, semplicemente inserendo nell’app il codice fiscale. Uno strumento senza dubbio molto utile ma che potrebbe aprire delle controversie sul fronte della gestione dei dati personali. Sull’app il Garante della Privacy deve ancora esprimersi.

L’EVOLUZIONE

La nuova funzione serve a scongiurare il rischio di code all’ingresso dell’ufficio e in fabbrica. Si tratta di una evoluzione dell’app Verifica C19 che viene già usata nelle scuole e nei negozi per il controllo del Qr code dei green pass. Con l’obbligo di verifica del green pass, dal 15 ottobre, viene stabilito nel decreto che il datore di lavoro non possa conservare i dati del lavoratore, ma debba fare il controllo ogni giorno.

LA SOLUZIONE AL PROBLEMA

La nuova app, quindi, fornirebbe un modo per risolvere il problema dei controlli quotidiani tramite il sistema delle tessere sanitarie gestito dalla Ragioneria Generale dello Stato. La tessera sanitaria, infatti, è legata al codice fiscale che contiene un codice alfanumerico che permette di non mostrare il nome del lavoratore.

OK ANCHE NELLA PA

Secondo le prime verifiche, la nuova applicazione Sogei sarebbe utilizzabile anche per i lavoratori della Pubblica amministrazione. Le verifiche sul certificato verde potranno essere svolte “giornalmente e preferibilmente all’accesso della struttura” oppure “a campione, in misura non inferiore al 20% del personale presente in servizio e con un criterio di rotazione, oppure ancora a tappeto, con o senza l’ausilio di sistemi automatici”.

Financialounge - Telegram