Sfruttare le materie prime

Ecco i certificati per capitalizzare il trend, al rialzo o al ribasso, del settore minerario

Tramite i nuovi Turbo Unlimited Certificate di BNP Paribas è possibile investire a leva sui titoli di alcune delle società leader nel settore minerario, come Freeport-McMoRan, Barrick Gold e Albemarle

di Leo Campagna 11 Marzo 2021 - 17:00
financialounge - news
financialounge - news

Una nuova emissione di Turbo Unlimited Certificate su sottostanti aziende del settore minerario. Li ha emessi BNP Paribas e offrono la possibilità di puntare, con effetto leva, sull’andamento in Borsa di Freeport-McMoRan, tra i più grandi produttori di rame, molibdeno e oro, Barrick Gold, leader mondiale nell'estrazione di oro, e Albemarle, società chimica attiva nell'estrazione di litio e bromo.

BARRICK GOLD, FREEPORT-MCMORAN, ABERMARLE


“Abbiamo ampliato la gamma dei certificates quotati alle società del settore minerario, come Barrick Gold, Freeport-McMoran e Abermarle, che potrebbero beneficiare delle pressioni inflazionistiche alimentate dalle decisioni delle Banche centrali”, ha dichiarato Nevia Gregorini, Head of Exchange Traded Solutions di BNP Paribas Corporate & Institutional Banking.

COMPENSARE GLI IMPATTI NEGATIVI SU AZIONI E OBBLIGAZIONI


Gli interventi monetari e fiscali senza precedenti messi in campo dalle principali banche centrali e dai governi per l’emergenza Covid-19 stanno infatti facendo aumentare le aspettative inflazionistiche che comportano un incremento dei rendimenti obbligazionari con un impatto negativo per i bond e le azioni. Le materie prime, al contrario, hanno dimostrato storicamente di registrare un andamento dei prezzi capace di compensare la debolezza di queste asset class durante le fasi di rialzo generalizzato del carovita.

STRATEGIE DI TRADING O DI COPERTURA DEL PORTAFOGLIO


I Turbo Unlimited Certificate sono scambiati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana e consentono strategie di trading e di copertura del portafoglio, con effetto leva per prendere posizione al rialzo (Turbo Unlimited Long) oppure al ribasso (Turbo Unlimited Short), con un minor impiego di capitale. A differenza dei Certificate o ETF a leva fissa, che hanno leva finanziaria fissa su base giornaliera con la performance che viene ricalcolata ogni giorno, questi Turbo Unlimited Certificate non risentono dell’effetto dell’interesse composto: l’investitore decide infatti al momento dell’investimento la leva finanziaria, che resta invariata non solo nella singola giornata di negoziazione ma fino alla chiusura della posizione.

ACCESSO DIRETTO AL MERCATO USA SENZA CONTO IN VALUTA


Tramite i Turbo Unlimited, gli investitori possono accedere al mercato americano senza la necessità di dover operare per mezzo di un intermediario abilitato all’accesso alle Borse Usa, e senza neppure dover disporre di un conto in valuta, dal momento che si tratta di certificati d’investimento automaticamente convertiti in euro: aspetti tecnici che evitano agli investitori i relativi costi di negoziazione e tenuta conto.

BNP PARIBAS OPERA IN QUALITA’ DI MARKET MAKER


Restando in tema di aspetti tecnici, lo strike in questi Turbo Unlimited corrisponde con la barriera disattivante, un valore che viene aggiornato giornalmente in base al costo del finanziamento, e che, una volta raggiunta, azzera il valore del Certificate. Si tratta di una barriera che può essere vista anche come uno “stop loss automatico” per quegli investitori che non riescano ad imporsi una rigorosa strategia di taglio alle perdite, indispensabile nel trading. Infine, per quanto riguarda la liquidità, BNP Paribas opera in qualità di Market Maker garantendo gli scambi giornalieri: in ogni momento è possibile comprare e rivendere i Turbo Unlimited Certificate senza attendere la data di scadenza da qualsiasi banca o intermediario finanziario.
Trending