Caccia ai titoli sottovalutati, la lezione ancora attuale del giovane Warren Buffett

La strategia
di Antonio Cardarelli 26 Giugno 2020 - 16:55

A patto di studiare a fondo le caratteristiche distintive dell’azienda, l’approccio di Buffett sui titoli di qualità sottovalutati dal mercato è ancora oggi valido. L’analisi degli esperti di Morgan Stanley Investment Management

Scoprire aziende sottovalutate è sempre stato il marchio distintivo del leggendario investitore Warren Buffett. Un modus operandi che già nel 1951, a soli 21 anni, l’“oracolo di Omaha” raccontava così su un giornale locale: “Che si tratti di calzini o azioni, mi piace acquistare merce di qualità quando è sottovalutata”.

COMPROPRIETARI DI UN’ATTIVITÀ

Un approccio che, secondo Kristian Heugh e Marc Fox, managing director e gestori del team Counterpoint Global di Morgan Stanley Investment Management, è valido ancora oggi ed è adatto ai periodi di crisi, che spesso penalizzano anche titoli meritevoli di attenzione. “Buffett ci ricorda che quando si acquistano le azioni di una società si diventa comproprietari di un’attività economica – spiegano Heugh e Fox – È come quando si compra una casa: non bisogna acquistare un’abitazione scadente, con il tetto pericolante, e rischiare la sicurezza dei propri familiari solo perché l’agente immobiliare ce l’ha consigliata”.

FONDAMENTALE LA DUE DILIGENCE

Per questo motivo, secondo gli esperti di Morgan Stanley IM, è indispensabile analizzare per conto proprio e con accuratezza tutte le determinanti del valore intrinseco di un asset che si possiede. Questo perché, citando ancora un giovane Buffett alle prese nel 1951 con l’investimento nella società assicurativa Geico, “il prezzo è quello che si paga, la qualità è quello che si acquista”.

FOCUS SUL MODELLO OPERATIVO

Nel caso di Morgan Stanley IM, i due esperti spiegano che l’International Advantage Strategy si concentra su business di alta qualità che vengono individuati attraverso una rigorosa due diligence che valuta cinque elementi. Tra questi spicca il modello operativo della società, che deve essere in grado di assicurare vantaggi competitivi sostenibili e basato su fondamentali solidi che permettano di crescere anche a fronte di cambiamenti dirompenti.

SFRUTTARE AL MASSIMO LE OCCASIONI

Come Buffett, commentano Heugh e Fox, “anche noi siamo del parere che concentrando il capitale nelle nostre idee di maggiore convinzione possiamo costruire un portafoglio realmente differenziato”. Il paragone con la filosofia di Buffet è evidente:il noto investitore sosteneva che “le opportunità non si presentano spesso. Quando piove oro, mettete fuori un secchio, non un ditale”. Una volta individuata un’incongruenza di prezzo è importante avere la convinzione di seguire l’idea di investimento.

CONVINZIONE NEGLI INVESTIMENTI

“Il tratto distintivo del nostro team di investimento è la capacità di comprendere come l’unicità di una società può monetizzarsi nel tempo. Creando un portafoglio concentrato di società di alta qualità e resilienti, acquistate con un adeguato margine di sicurezza, riteniamo di poter cogliere le opportunità che si presentano e superare le fasi di ribasso dei mercati”, concludono Heugh e Fox.