La Grecia riapre ai turisti dal 15 giugno ma non agli italiani

grecia
di Fabrizio Arnhold 29 Maggio 2020 - 16:13

Le limitazioni riguarderanno il Paese di origine del volo che atterra sul suolo greco, non la nazionalità dei turisti. Sono esclusi i voli dall’Italia, Gran Bretagna e Francia

Riprende il turismo, ma non per tutti. La Grecia riapre le frontiere al turismo internazionale, ma ai turisti italiani. Il governo ellenico, infatti, ha annunciato che dal 15 giugno riprenderanno i voli internazionali sugli aeroporti di Atene e Salonicco e ha reso pubblica una lista di 29 Paesi dai quali riprenderanno gli arrivi, e tra questi non c’è l’Italia. 

SPIAGGE GRECHE OFF LIMITS PER GLI ITALIANI

Difficile immaginare che tipo di vacanze saranno le prossime, e se si potrà prenotare all’estero o sarà meglio restare in Italia, con Sardegna e Sicilia che vorrebbero “la patente di immunità” per i turisti. Di certo non si potrà andare in qualche isola greca a giugno, perché le autorità elleniche hanno escluso dalla lista degli arrivi i voli provenienti dall’Italia, ma anche da Francia e Gran Bretagna. Nessuna limitazione, invece, per i turisti in arrivo dalla Cina o dalla Germania. 

LIMITAZIONI PER I VOLI 

Il governo greco precisa che le limitazioni agli ingressi riguarderanno il Paese di origine del volo che atterra sul suolo greco, non la nazionalità dei turisti. La lista verrà costantemente aggiornata, con progressive aperture, a partire dal primo luglio, anche ai turisti di quelle nazioni che per ora sono rimasti esclusi. 

Turismo, dal 15 giugno la Grecia riapre tutto per i viaggiatori dall’estero

Turismo, dal 15 giugno la Grecia riapre tutto per i viaggiatori dall’estero

LA LISTA DEI PAESI

La lista dei Paesi da cui sono ammessi i turisti, tenendo conto della situazione epidemiologica, sono Albania, Australia, Austria, Macedonia del Nord, Bulgaria, Germania, Danimarca, Svizzera, Estonia, Giappone, Israele, Cina, Croazia, Cipro, Lettonia, Libano, Lituania, Malta, Montenegro, Nuova Zelanda, Norvegia, Corea del Sud, Ungheria, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca e Finlandia.