Africa

Mercati africani, quali sono le nubi all’orizzonte

Dopo il rimbalzo di inizio anno, le prospettive per i mercati africani non sembrano volgere al meglio, spiega Erik Renander di Hedge Invest Sgr

di Antonio Cardarelli 27 Giugno 2019 11:28

Dopo gli sprazzi di luce di inizio anno, sui mercati africani sembra affacciarsi una congiuntura meno positiva. Nei primi mesi del 2019, infatti, le valutazioni attraenti e un sentiment non positivo avevano creato le premesse di quella che gli investitori definiscono una “opportunità tattica”.

VALUTAZIONI POCO ATTRAENTI


E in effetti, spiega Erik Renander, gestore del fondo HI EMIM Africa, Hedge Invest Sgr, il rimbalzo sperato da chi aveva puntato sui mercati africani, scegliendo obbligazioni e azioni, si era verificato. Ma ora la situazione sembra essere diversa, come spiega lo stesso Renander, poiché “le valutazioni non sono più così attraenti e i titoli non sono più ipervenduti, mentre i fondamentali sono andati peggiorando” e una svolta positiva nella seconda metà del 2019 non sembra probabile.

ATTENZIONE AL SUDAFRICA


Le nubi sembrano particolarmente minacciose sull’economia del Sudafrica, dove il Pil ha segnato un -3,2% nel primo trimestre e le vendite retail sono particolarmente deludenti. A livello continentale, spiega Renander, “abbiamo riconsiderato la visione rialzista che da lungo tempo avevamo nei confronti delle società minerarie ed energetiche” poiché la ripresa dei prezzi delle commodity nel 2019 è stata debole, in particolare quella del rame.

UTILI IN CALO PER LE SOCIETÀ MINERARIE


“Tenendo conto dei prezzi delle materie prime – aggiunge Renander - le stime degli utili futuri per molte società minerarie ed energetiche risultano troppo elevate: è la prima volta che si verifica questa situazione dal 2016”. A fronte di questa situazione complessiva, Renander spiega come è stato riposizionato il fondo HI EMIM Africa, Hedge Invest Sgr negli ultimi due mesi passando da posizioni lunghe su azionario e bond in valuta locale a grandi quantità di cash, con una riduzione dell’esposizione obbligazionaria e una piccola posizione netta negativa in azioni.

3 minutes with Erik Renander – giugno 2019


3 minutes with Erik Renander – giugno 2019






CEDUTI I BOND GHANESI


“Più nel dettaglio – conclude Renander - a maggio abbiamo venduto tutti i bond ghanesi in portafoglio: il rimanente debito in valuta locale è concentrato tra Nigeria, Sud Africa, Kenya e una piccola parte in Egitto. Le nuove posizioni corte che abbiamo aggiunto riguardano i settori immobiliare, chimico, dell’esplorazione petrolifera e dell’estrazione mineraria”.
Trending