La view

Mercati obbligazionari guidati dalle direzioni divergenti prese dalle banche centrali

Wellington Management fa il punto sulle dinamiche di inflazione e tassi in USA, Eurozona e Giappone, con focus sull’immobiliare cinese e i segmento commerciale USA

di Virgilio Chelli 13 Giugno 2024 09:19

financialounge -  banche centrali Marco Giordano mercati wellington management
Le banche centrali globali hanno preso strade divergenti con Fed, Bank of Japan e BCE che si trovano a gestire dinamiche inflazionistiche distinte. Pe quanto riguarda la prima il governatore Waller ha spiegato perché il tasso neutrale non ha subito un incremento strutturale, suggerendo le politiche attuali potrebbero non essere così restrittive come segnalato dal FOMC mentre l’economia continua a mostrare forza e i mercati finanziari posticipano il taglio dei tassi. Bank of Japan continua il percorso di uscita dalla politica eccezionale mentre lo yen debole esercita pressioni aggiuntive per un aumento dei tassi. La BCE infine ha effettuato il primo taglio con crescita e inflazione discostate dagli USA.

DINAMICHE DIVERSE NELLE PRINCIPALI AREE


Il tutto, sottolinea Wellington Management in un contributo dell’Investment Director Marco Giordano, sta portando a una sostanziale divergenza di politica monetaria tra le principali economie sviluppate. La disinflazione ha rallentato e in alcune zone si è interrotta, ed è stata uno dei principali fattori che ha influenzato le performance di mercato, sia obbligazionario che azionario. Dopo il sell-off in termini di tassi ad aprile, a maggio abbiamo visto segnali contrastanti. In USA gli indicatori ciclici mostrano un indebolimento, con consumi in calo e lieve incremento della disoccupazione; mentre in Eurozona l’inflazione è aumentata confermando che l'ultimo passaggio verso il target del 2% sarà il più arduo. In Giappone, le aspettative di inflazione sono alte e la Banca Centrale continua a tagliare lo stimolo.

LA CINA CERCA DI PUNTELLARE L’IMOBILIARE ABITATIVO


Intanto in Cina il governo sta agendo più attivamente per cercare di rafforzare l'economia e soprattutto il mercato immobiliare, anche emettendo debito a lungo termine per finanziare aziende statali e amministrazioni locali e indurle a comprare le abitazioni invendute. Giordano ricorda il programma “cash for clunkers” USA nella crisi finanziaria globale, ma rileva che era relativamente piccolo e si prefiggeva di spingere la domanda in un settore in crisi, mentre il governo cinese vuol ridurre un’offerta eccessiva e trasformarla in parte in edilizia popolare. In attesa di maggiori dettagli si è assistito ad un progressivo indebolimento del renminbi, probabilmente con il consenso tacito dei politici.

IN UNA PRIMO DEFAULT DI UNA TRIPLA A DOPO LA CRISI FINANZIARIA


Infine, il Regno Unito, che va alle elezioni anticipate il 4 luglio, che potrebbero portare a una vittoria dei laburisti. La tempistica confermerà probabilmente le aspettative dei mercati secondo cui Bank of England non taglierà i tassi prima di fine anno per evitare di influenzare la politica, anche a fronte di inflazione elevata e crescita positiva. Sul fronte del mercato immobiliare, insolvenze e cartolarizzazioni nel mercato americano, a maggio si è verificato il default di un titolo garantito da ipoteca con rating AAA, il primo dalla crisi finanziaria.

VISIONE NEGATIVA SULL’IMMOBILIARE COMMERCIALE AMERICANO


L'immobiliare di New York è stato penalizzato da una serie di fattori negativi, ma Wellington non lo considera un caso isolato, in quanto ha una visione negativa del settore e ritiene che l'immobiliare commerciale sarà soggetto ad una dinamica lenta nei mercati dei capitali. Giordano vede anche però opportunità selezionate in singole operazioni e strutture in cui le valutazioni e/o flussi di cassa sono favorevoli. Da un punto di vista del valore relativo, Wellington ritiene che spazi efficienti dal punto di vista energetico, ristrutturati di recente e dotati di servizi di elevata qualità avranno un rendimento migliore a quelli più datati, che potrebbero richiedere ingenti investimenti.

Trending