I numeri

JP Morgan batte le attese: ricavi in crescita (+9%) nel primo trimestre

L’amministratore delegato Jamie Dimon: “Segnali economici favorevoli, ma il panorama globale è inquietante con guerre e tensioni geopolitiche in aumento”

di Redazione 12 Aprile 2024 14:57
financialounge -  finanza JP Morgan Chase Wall Street
I conti delle banche hanno aperto la stagione delle trimestrali a Wall Street. JP Morgan Chase, nei primi tre mesi del 2023, ha registrato ricavi in crescita del 9% a 41,93 miliardi di dollari e un aumento del 6% dell'utile netto a 13,42 miliardi. Si tratta di un risultato migliore delle attese degli analisti, che si aspettavano rispettivamente 41,69 e 12,18 miliardi di dollari.

GESTIONE PATRIMONIALE E INVESTMENT BANKING


A spingere i conti di JP Morgan Chase nel primo trimestre sono state le commissioni nella gestione patrimoniale e nell'investment banking. L’utile netto è stato pari a 14 miliardi di dollari escludendo l'aumento di 725 milioni di dollari della valutazione speciale della Fdic. “Il mese scorso abbiamo annunciato un aumento del 10% del dividendo ordinario. Il nostro rapporto di capitale Cet1 eccezionalmente elevato, pari al 15,0%, e i rendimenti leader a livello mondiale ci forniscono la capacità e la flessibilità di reinvestire per la crescita e di mantenere un profilo di capitale-rendimento interessante, senza compromettere il nostro bilancio fortificato", ha scritto il presidente e Ceo di JP Morgan Chase Jamie Dimon.

PREOCCUPAZIONE PER SITUAZIONE GLOBALE


"Molti indicatori economici continuano ad essere favorevoli - ha proseguito Dimon - tuttavia, guardando al futuro, rimaniamo attenti a una serie di significative incertezze. In primo luogo, il panorama globale è inquietante: guerre e violenze terribili continuano a causare sofferenza e le tensioni geopolitiche sono in aumento. In secondo luogo, sembra esserci un gran numero di pressioni inflazionistiche persistenti, che probabilmente continueranno. Infine, non abbiamo mai sperimentato l'effetto completo di una stretta quantitativa di questa portata. Non sappiamo come questi fattori si manifesteranno, ma dobbiamo prepararci ad affrontare un'ampia gamma di contesti potenziali per poter essere sempre a disposizione dei clienti".

CONTI IN CALO PER CITIGROUP


Prima dell’apertura di Wall Street anche Citigroup ha presento i conti del primo trimestre con profitti in calo, sulla scia dell'aumento dei costi sostenuti per la riorganizzazione che ha portato alla riduzione di personale annunciata nei mesi scorsi e decisa per semplificare e rendere più efficienti le attività. Nei tre mesi a marzo, la banca newyorkese ha riportato un utile netto di 3,371 miliardi di dollari, 1,58 dollari per azione, contro i 4,606 miliardi, 2,19 dollari per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi sono scesi del 2% a 21,1 miliardi. Gli analisti attendevano profitti per 1,18 dollari per azione con un giro d'affari di 21,44 miliardi.
Share:
Trending