Caro-energia

Nuove bollette luce e gas meno care

Da marzo calano i prezzi del gas in bolletta e da aprile quelli della luce che tornano ai livelli dell’estate 2021, con un risparmio annuo fino a 600 euro. Le tariffe restano tuttavia su livelli doppi rispetto alle medie degli ultimi anni

di Redazione 21 Febbraio 2023 09:27
financialounge -  bollette economia energia Gas inflazione luce
Fino a 600 euro di risparmio. La bolletta di luce e gas sarà più leggera nei prossimi mesi. Il minor costo stimato, su base annua per una famiglia tipo, arriverebbe a 600 euro. Nello specifico, 234 per il gas e 363 per la luce. Le stime sono quelle di Nomisma Energia con il suo presidente Davide Tabarelli che ipotizza un calo a inizio marzo del 17% del gas e del 25% il primo aprile per l’elettricità.

“PANICO ESAGERATO”


Il calo sarà significativo e interesserà tutte le famiglie e imprese italiane che sono rimaste nel mercato tutelato. Chi, invece, è passato al mercato libero avrà un costo che solitamente viene bloccato per un anno. “Forse abbiamo esagerato con il panico lo scorso autunno”, commenta Tabarelli. La discesa del gas spinge al ribasso il prezzo dell’elettricità in tutta Europa e anche in Italia.

GAS IN CALO DEL 17%


Le bollette del gas, che sono determinate con un mese di ritardo, verranno decise a inizio marzo da Arera (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) ma “con questi prezzi internazionali possiamo stimare un calo del 17% a 0,83 euro per metro cubo, livello che non si vedeva dall’estate 2021”, aggiunge Tabarelli.

NUOVO PREZZO LUCE DA APRILE


Il calcolo del costo dell’energia elettrica ha un meccanismo diverso rispetto a quello del gas. La bolletta elettrica ha un costo della componente energia che viene fissato ogni tre mesi. Il prossimo aggiornamento dell’Arera è previsto all’inizio di aprile. Con gli ultimi prezzi rilevati, sempre secondo Nomisma, si può sperare in una flessione del 25% a 40 cent per chilowattora.

PREZZI ANCORA ALTI


Il calo è sicuramente un buon segno e consentirà un risparmio, fino a 600 euro all’anno, per le famiglie che si trovano nel mercato tutelato. Ma per chi ha sottoscritto un’offerta sul mercato libero, magari con il prezzo della componente energia bloccato per tre anni, si troverà costretto a pagare comunque di più. Se è vero che i prezzi di luce e gas stanno tornando sui livelli dell’estate 2021, bisogna considerare che si tratta ancora di “livelli doppi rispetto alle medie di 20 cent” su cui avevano oscillato le tariffe negli ultimi anni, precisa Tabarelli.

INFLAZIONE IN CALO


In Europa l’inflazione è in gran parte aumentata dai prezzi dell’energia. Il calo delle tariffe regolate, quindi, “comprime il tasso di inflazione che a marzo scenderà pesantemente sotto il 10%”, prosegue il presidente di Nomisma, sottolineando che si tratta di "ottime notizie" per l'Italia, visto che è il "Paese più esposto, con il suo gigantesco debito, all'aumento del costo dei tassi di interesse". È però presto per considerare finita la crisi. “I prezzi internazionali del gas sono sempre il doppio delle medie di lungo termine e sono quasi 5 volte le quotazioni del gas degli Stati Uniti dove, per questa ragione, i prezzi dell’energia sono enormemente più bassi di quelli che le famiglie e, soprattutto le imprese, devono pagare in Europa”, conclude Tabarelli.
Share:
Trending