Obbligazionario

Il green bond Eni fa il pieno di richieste

Dopo 12 anni Eni torna a collocare un bond per il pubblico retail, con interesse minimo fissato al 4,3%. Il collocamento fa il tutto esaurito e raggiunge quota 2 miliardi, con chiusura anticipata domani 20 gennaio

di Redazione 19 Gennaio 2023 12:29
financialounge -  eni finanza green bond obbligazionario
Tutto esaurito. Eni annuncia che l’ammontare nominale complessivo dell’offerta pubblica di sottoscrizione e ammissione a quotazione delle obbligazioni del prestito “Eni obbligazioni sustainability-linked 2023/2028” è stato collocato per intero e quindi la vendita chiude in anticipo.

CHIUSURA ANTICIPATA


I responsabili del collocamento, Intesa Sanpaolo e UniCredit, d’intesa con Eni, si sono avvalsi della facoltà di disporre la chiusura anticipata dell’offerta al 20 gennaio 2023 alle ore 17 sia per le adesioni in sede che per le adesioni effettuate attraverso consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede. Ma anche per le adesioni mediante tecniche di comunicazione a distanza, a seguito dell'integrale collocamento presso il pubblico indistinto dell'ammontare nominale complessivo massimo dell'offerta, pari a 2 miliardi di euro.

RAGGIUNTA QUOTA 2 MILIARDI


Domanda boom che ha già toccato l’offerta di 2 miliardi di euro, raddoppiata rispetto al miliardo di inizio raccolta. Le obbligazioni, dal valore di mille euro ciascuna, avranno durata 5 anni e l’operazione è stata approvata dal cda di Eni a fine ottobre. Con il via libera da parte della Consob, la scorsa settimana, è partita l’offerta pubblica dei titoli quotati sul Mot (il mercato telematico delle obbligazioni) di Borsa Italiana.

LA CEDOLA


L’interesse a tasso fisso è stato fissato al 4,3 per cento minimo. La quota del tasso di interesse nominale annuo lordo, che potrebbe essere anche più elevata, verrà comunicata entro cinque giorni lavorativi dalla chiusura del periodo di offerta, quindi dal 20 gennaio, con la chiusura anticipata fissata per domani.
Share:
Trending