L'apertura dei mercati

Borse positive nel giorno del dato sull'inflazione Usa del mese di dicembre

Avvio in verde per i listi europei in attesa del dato sull'inflazione Usa, previsto in calo a +6,5% dal +7,1% di novembre. In programma anche la pubblicazione dei sussidi settimanali di disoccupazione, altro indicatore seguito dalla Fed

di Antonio Cardarelli 12 Gennaio 2023 09:11
financialounge -  Borse europee mercati Piazza Affari
financialounge -  Borse europee mercati Piazza Affari

Partenza positiva per i listini europei in attesa della pubblicazione (ore 14:30 italiane) del dato relativo al carovita Usa di dicembre. Piazza Affari guadagna lo 0,3%, Francoforte lo 0,2%, Parigi e Londra aprono in rialzo dello 0,4%. Oggi il Tesoro offre inoltre in asta BTp a 3 e 7 anni per un importo compreso tra 6 e 7 miliardi di euro.

DATO INFLAZIONE USA IN ARRIVO


Il giorno del dato sull'inflazione americana di dicembre è arrivato. Le attese dei mercati sono per un rallentamento a +6,5% dopo il +7,1% del mese di novembre. Inoltre, sempre oggi in contemporanea con l'inflazione, è prevista la pubblicazione del dato sui sussidi settimanali di disoccupazione, con attese di un rialzo a 215mila dopo i 204mila della scorsa settimana. Dati che, se confermati, andrebbero a supportare l'ottimismo dei mercati per un allentamento della politica monetaria della Federal Reserve. Inflazione in calo e mercato del lavoro più in difficoltà, è il ragionamento degli investitori, porterebbero la Fed a rivedere l'atteggiamento da "falco" degli ultimi mesi.

I MOTIVI DELL'OTTIMISMO SUI MERCATI


Tuttavia, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha parlato della necessità di continuare sulla strada del rialzo dei tassi, anche se non ha specificato l'entità delle prossime mosse. In attesa della prossima riunione della banca centrale Usa, i mercati continuano a guadagnare terreno e danno seguito al rally iniziato nel 2023. "Per decifrare l’ottimismo di questi giorni in genere si trovano due motivazioni, il rientro dell’inflazione e le riaperture in Cina. Con il passare delle settimane sembra che si stia aggiungendo anche l’idea che l’economia possa tenere meglio delle attese", commenta Gianni Piazzoli, Chief Investment Officer di Vontobel Wealth Management SIM.

BORSE ASIATICHE SULLA PARITÀ


In Europa le speranze di un rallentamento della stretta da parte della Bce sono basate anche sul calo del prezzo del gas, sceso della metà nell'ultimo mese, poiché l'inflazione europea è principalmente dovuta al costo dell'energia. Sui mercati asiatici la Borsa di Tokyo vive una giornata interlocutoria con l'indice Nikkei 225 che si ferma a +0,01%. Sempre in Asia, la Borsa di Shanghai chiude poco sopra la parità (+0,05%) mentre quella di Hong Kong, a poco dalla chiusura, viaggia in rialzo dello 0,3%. Per quanto riguarda il petrolio, Wti e Brent sono sostanzialmente fermi rispettivamente a 77,5 dollari al barile (+0,2%) e 82,8 dollari al barile (+0,2%).
Trending