Sotto la lente

Capital Group: ecco i 5 trend da seguire sui mercati

Tassi in aumento e inflazione più alta, leadership di mercato più ampia, focus sulle risorse fisiche, crescita degli utili e catene di fornitura regionali: ecco i 5 trend esaminati da Jody Jonsson, Equity Portfolio Manager di Capital Group

di Leo Campagna 3 Gennaio 2023 14:04
financialounge -  Capital Group inflazione Jody Jonsson mercati
financialounge -  Capital Group inflazione Jody Jonsson mercati

Dopo che l’inflazione sarà domata le banche centrali dovrebbero smettere di alzare i tassi. Una dinamica che potrebbe indurre gli investitori ad ipotizzare un ritorno alla normalità. “Potrebbe tuttavia dimostrarsi una visione troppo semplicistica alla luce dei cambiamenti strutturali in atto, cinque dei quali particolarmente significativi per le implicazioni per gli investimenti a lungo termine” avverte Jody Jonsson, Equity Portfolio Manager di Capital Group, che inizia ad illustrare il primo: lo scenario che registra il passaggio dai tassi in calo a quello dei tassi in aumento con un’inflazione più alta.

BALZO DELL’INFLAZIONE


“Dopo 40 anni di calo dei tassi di interesse, l’inflazione è balzata a livelli che non si vedevano dall’inizio degli anni ‘80. Questo comporta possibili dislocazioni di mercato che difficilmente si invertiranno in breve tempo. I mercati obbligazionari, per esempio, stanno prevedendo un ritorno all'inflazione al 2% entro due anni mentre questi cicli spesso durano molto più a lungo delle previsioni. Anche perché non si può escludere che l’aumento dei prezzi al consumo sia strutturale e, forse, persistente” spiega la manager.

CAUTELA SULLE AZIENDE ALTAMENTE INDEBITATE


Jonsson è cauta verso le aziende altamente indebitate o quelle che contraggono nuovi debiti e predilige le imprese con la capacità di finanziare la propria crescita. Interessanti anche le compagnie con un forte potere di determinazione dei prezzi e flussi di cassa affidabili, perché riusciranno a prosperare anche in un mondo con un'inflazione elevata e un maggiore costo del capitale.

LEADERSHIP DI MERCATO PIÙ AMPIA


Un secondo trend strutturale esaminato dalla manager è quello che vede il passaggio da una leadership di mercato ristretta, come quella dominata da alcuni titoli tecnologici nell’ultimo decennio, ad una più ampia con nuove opportunità da una varietà di aziende, settori e aree geografiche, anche al di fuori del settore tecnologico. Per esempio, dopo una accelerazione nella conquista di quote di mercato le società di e-commerce hanno iniziato a frenare. “Alcuni rivenditori tradizionali capaci di combinare l’esperienza unica dei negozi tradizionali con i benefici dell'acquisto online stanno cominciando ad accaparrarsi la fetta di mercato delle società esclusivamente e-commerce” riferisce Jonsson.

FOCUS SULLE RISORSE FISICHE


La manager di Capital Group guarda anche al fenomeno del trasferimento dalle risorse digitali a quelle fisiche. Le risorse digitali (mercati online, le piattaforme di streaming, i motori di ricerca e i social media) continueranno a prosperare ma potrebbero esserci nell’economia di domani dei vincitori anche tra le aziende in settori tradizionali come l'industria, i materiali, l'energia. “Efficienza energetica, modernizzazione delle infrastrutture, rilocalizzazione e sicurezza energetica possono causare un boom degli investimenti di capitale tra i vari settori” sottolinea Jonsson.

RENDIMENTI AZIONARI ALIMENTATI DALLA CRESCITA DEGLI UTILI


Un altro cambiamento strutturale per il mercato rispetto agli ultimi 5-10 anni è che i rendimenti azionari dovranno essere alimentati dalla crescita degli utili. “Le aziende i cui modelli di business dipendono dal denaro a basso costo stanno scomparendo perché il mercato adesso tende a penalizzare i modelli di business che non funzionano quando il denaro non è più gratuito” argomenta la manager.

CATENE DI FORNITURA REGIONALI


Infine, ma non certo per importanza, è opportuno osservare l’evoluzione delle catene di fornitura che da globali tenderanno ad essere regionali sulla scia delle tensioni geopolitiche e delle perturbazioni indotte dalla pandemia che hanno portato le società a considerare l'opportunità di portare gli approvvigionamenti vicino a casa. “I nuovi contesti di mercato sono sfidanti per gli investitori ma offrono nuove opportunità che rendono essenziali l'esperienza e la flessibilità” conclude l’Equity Portfolio Manager di Capital Group.
Trending