Mercati e investimenti

Edmond de Rothschild AM sottopesa le azioni e adotta una guida tattica in Borsa

Gli esperti di Edmond de Rothschild Asset Management analizzano le notizie aziendali per avere indicazioni più precise sulla situazione e cavalcare le oscillazioni di mercato provocate dalle contraddittorie indicazioni macroeconomiche

di Leo Campagna 11 Novembre 2022 13:30
financialounge -  Edmond de Rothschild AM mercati
financialounge -  Edmond de Rothschild AM mercati

Nell’ultima riunione della Federal Reserve statunitense il presidente Jerome Powell ha affermato che le condizioni finanziarie si sono deteriorate e il mercato immobiliare risulta sotto pressione, ma è stato sorpreso dalla resilienza del mercato del lavoro e dall'inflazione persistente.

LA FED HA ESCLUSO QUALSIASI PAUSA NELLA STRETTA MONETARIA


Ha inoltre riconosciuto che ci sarebbe stato un ritardo tra gli aumenti dei tassi e il loro impatto sull’economia ma ha escluso qualsiasi pausa nella stretta monetaria. “Preferisce fare troppo piuttosto che troppo poco, anche se ciò significa innescare una recessione. Anche per questo i mercati ora prevedono un picco dei tassi del 5,15% nel giugno 2023” fanno sapere gli esperti Edmond de Rothschild Asset Management.

DATI MACROECONOMICI CONTRADDITTORI


Intanto gli indicatori economici mensili suggeriscono che l'attività dovrebbe presto contrarsi. Il PMI manifatturiero, ad esempio, si è attestato a 46,2 nel Regno Unito, 46,4 in Europa e 48,2 in Corea del Sud mentre negli Stati Uniti era 50,2, vicino al territorio di contrazione. Per contro, riferiscono i manager di Edmond de Rothschild AM, i dati macroeconomici sembrano invece contraddire l'idea di una recessione incombente. Per esempio, negli Stati Uniti nell’ultimo mese sono stati creati 239.000 posti di lavoro mentre in Germania, le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,9% quando il mercato si aspettava un calo dello 0,5%.

LEGGERMENTE SOTTOPONDERATI NELLE AZIONI


“Rimaniamo leggermente sottoponderati sulle azioni mentre cerchiamo di adottare una guida tattica attraverso un rimbalzo del mercato sulla base di un cambio di tono nei commenti delle banche centrali”, dichiarano i professionisti di Edmond de Rothschild AM. Per quanto riguarda le azioni europee,  nonostante l'aumento dei tassi e l'inflazione, il rallentamento economico nella zona euro è per il momento mite. Francia e Spagna sono cresciute entrambe dello 0,2% nel terzo trimestre.

BMW, STELLANTIS, BNP PARIBAS, ING GROEP E SOCIETE’ GENERALE


Nelle notizie sui risultati del terzo trimestre, BMW e Stellantis hanno pubblicato cifre ottimistiche, ma hanno avvertito di aver osservato i primi segni di un calo della domanda con un peggioramento probabilmente in arrivo nel 2023. Indicazioni al ribasso per la crescita e i margini nel medio termine anche per Faurecia (componentistica per auto) e per il gigante delle spedizioni Maersk. Ottimi risultati e rischi sotto controllo invece per i big finanziari quali BNP Paribas, ING Groep e Société Générale.

AMAZON E AIRBNB


“Passando agli USA” spiegano gli esperti di  Edmond de Rothschild AM “Wall Street ha accusato una forte correzione al ribasso non alla notizia dell’aumento dei tassi di 75 punti base (+0,75%) al 3,75-4%, il livello più alto dal 2008, ma quando i commenti di Jerome Powell alla conferenza stampa sono stati più aggressivi del previsto”. Nel frattempo le notizie aziendali consentono di avere indicazioni più precise sulla situazione. La capitalizzazione di mercato di Amazon è scesa sotto i 1.000 miliardi di dollari per la prima volta da aprile 2020 mentre Airbnb ha perso il 7% in Borsa dopo aver riportato numeri deludenti di pernottamenti e visibilità limitata nel 2023.

QUALCOMM, ESTEE LAUDER E PAYPAL


Caduta del 9% anche per le azioni del produttore di chip per smartphone Qualcomm sulla scia delle indicazioni deludenti a causa dell'attenuazione della domanda e dell'impatto dei blocchi cinesi. Estée Lauder è scesa di oltre l'8% dopo aver tagliato le indicazioni per l'intero anno fiscale a causa della riduzione della domanda tra i viaggiatori asiatici mentre Paypal è scesa del 10% dopo il campanello a causa dei risultati colpiti da un rallentamento della spesa discrezionale dei consumatori.
Trending