Dati sotto le attese

Usa: ad agosto spesi 4 miliardi di dollari in videogiochi

Il mercato dei videogame registra ancora cifre rilevanti, ma i numeri sono in calo rispetto all’anno scorso

di Stefano Silvestri 21 Settembre 2022 15:20
financialounge -  Smart Life Videogiochi
financialounge -  Smart Life Videogiochi

Quattro miliardi di dollari spesi in videogiochi, in un solo territorio e in un solo mese. Possono sembrare numeri altisonanti e oggettivamente lo sono. Certo, parliamo pur sempre del mercato a stelle e strisce, tra i più importanti al mondo, eppure gli analisti in queste ore non sono soddisfatti.

SPESA IN CALO


Stando alle rilevazioni di NPD Group, storica società di ricerche di mercato americana (è stata fondata nel 1966), nonostante i lanci di due titoli importanti quali Madden NFL 23 e Saints Row, gli americani ad agosto hanno sì speso 4 miliardi di dollari in videogiochi, ma rispetto all’anno scorso la flessione è del 5%. Se a questo aggiungiamo che, sempre rispetto al 2021, le crescite dell’hardware sono aumentate notevolmente grazie a delle forniture superiori di PlayStation 5 e Xbox Series X ed S, è chiaro che qualcosa non ha funzionato dal lato del software.

DIVERTENTE (INVOLONTARIAMENTE)


E in effetti, a ben guardare, fossimo noi gli analisti ci sentiremmo di puntare il dito proprio contro i due giochi di cui sopra. Madden NFL 23, storico simulatore di football americano, pur guadagnando il podio della classifica USA al lancio (e per il ventitreesimo anno consecutivo), al momento in cui scriviamo sul celebre aggregatore di voti Metacritic viaggia alla non confortante media di 69 punti percentuali su PlayStation 5. Questo per quanto riguarda la critica, perché se guardiamo la media voto degli utenti, da tempo ormai polarizzata tra esaltazioni e feroci stroncature, vediamo una media voto di 1,4 punti… su 100. Non si contano infatti gli 0 assegnati dal pubblico, che accusano una serie di bug in alcuni casi definiti “esilaranti”.

SANTI… AL PURGATORIO


Non è andata meglio a Saints Row che, pur avendo debuttato al secondo posto della classifica americana, vanta (si fa per dire) una media di 62 punti percentuali su PlayStation 5, che diventano 66 su Xbox Series X. Più miti, ma comunque negativi, i voti degli utenti, che variano da 3 a 3,1 punti percentuali. Anche qui, oltre a un gioco di per sé poco accattivante, troviamo una serie bug che, inspiegabilmente, continuano ad affliggere anche le produzioni più blasonate. Quella di Saints Row è una serie di videogiochi open world sul mercato da anni (il primo capitolo uscì nel 2006), una sorta di Grand Theft Auto che la butta in caciara, ed ecco spiegato il piazzamento iniziale nelle classifiche, nonostante il modesto valore intrinseco.

I NUMERI


Scendendo nello specifico, come già detto lo scorso agosto gli americani hanno speso circa 4 miliardi di dollari in videogiochi (-5% anno su anno). Di questi, $3,6 miliardi sono andati al software (-6%) e 375 milioni all’hardware (+14%).  Da inizio anno, invece, il mercato americano è valso $34,6 miliardi (-9%), col software fermo a $30,4 miliardi (-10%) e l’hardware a $2,9 miliardi (-4%). Gli occhi sono quindi puntati alle prossime grandi uscite previste nei prossimi mesi quali God of War Ragnarok, Assassin’s Creed Mirage e Starfield, oltre al solito Call of Duty. Chissà che non facciano tornare agli americani la voglia di giocare…
Trending