L'analisi

Mainstreet Partners: Green, Social e Sustainability Bond in crescita

Mainstreet Partners ha pubblicato la seconda edizione del report “GSS Bonds Market Trends”, l’analisi sullo stato del mercato obbligazionario Green Social e Sustainability

di Anna Patti 29 Giugno 2022 16:35
financialounge -  green bond MainStreet Partners report GSS bond
financialounge -  green bond MainStreet Partners report GSS bond

Mainstreet Partners, società londinese specializzata in ESG e Portfolio Analytics, ha pubblicato oggi l’analisi sullo stato del mercato obbligazionario green. Il rapporto dà un resoconto delle sfide poste dall’aumento dei tassi d’interesse e aiuta a delineare alcuni aspetti chiave riguardanti il premio verde dei green bond e la qualità e la fruibilità dei Sustainability Linked Bond (SLB).


MAGGIORE VOLATILITA’ NEL PRIMO TRIMESTRE


I green bond e i fondi green bond, data la loro elevata duration, sono particolarmente sensibili alle variazioni dei tassi d’interesse, questo giustifica una performance più volatile nel primo trimestre del 2022. Su 2 mila miliardi di dollari di obbligazioni GSS, i green bond in media riportano un allineamento alla tassonomia europea del 64%, secondo quanto risulta dal report di Mainstreet Partners. I progetti di energia rinnovabile sono quelli che hanno l’allineamento più elevato (77% in media).


I PRINCIPALI DRIVER DELLO SVILUPPO DEI GSS BOND


Il GSS Bonds Market Trends evidenzia che i principali driver dello sviluppo dei GSS bond sono L’Italia, la Spagna e il Regno Unito. L’Italia ha registrato una crescita nell’emissione annuale di obbligazioni GSS del +400% nel 2021. La categoria delle utility energetiche è prima per ammontare emesso e i progetti sulle rinnovabili sono le attività più finanziate. L’Italia vanta una posizione importante nel mercato dei SLB.


LA CRESCITA DEI GREEN BOND IN SPAGNA


In spagna il mercato dei GSS bond è cresciuto nel 2021 facendo segnare un aumento del 90% di emissioni annuali. Questo è stato possibile anche grazie al primo titolo sovrano emesso in ottobre. Banche commerciali ed enti locali sono le emittenti più prolifiche e prediligono emettere green bond piuttosto che emissioni con sfondo sociale o SLB.


IN REGNO UNITO LA MAGGIORE CRESCITA DI EMISSIONI DI GSS BOND


Il Regno Unito ha riportato la più forte crescita di emissioni di obbligazioni green nel 2021, superando il 400%. Sempre nel 2021 il 70% delle obbligazioni si è diretto verso progetti ambientali. Tra i progetti sociali le attività maggiormente finanziate sono istruzione e assistenza finanziaria a prezzi accessibili che hanno costituito il 53% del totale.


MAINSTREET PARTNERS A FIANCO DEGLI INVESTITORI


Dal 2010 Mainstreet Partners mette a disposizione degli investitori strumenti utili per misurare e gestire rischi di sostenibilità. I GSS bond vengono analizzati seguendo un framework proprietario che fa leva su analisi dell’emittente e su considerazioni specifiche per ogni bond. I dati d’impatto riportati dagli emittenti di green bond vengono aggregati e normalizzati. Inoltre la società si occupa di misurare i progetti ambientali finanziati da GSS Bond in base a criteri tecnici normativi. Fornisce ad esempio i ‘Bond Ratings’ ed i ‘Risultati e Ratings d’Impatto’, il dato può essere aggregato a livello di portafoglio e fornire un’indicazione quantitativa sul proprio livello di sostenibilità.


IL FUTURO DEL MERCATO DEI GSS BOND


Secondo Pietro Sette, Research Associate di MainStreet Partners, “nonostante le inevitabili sfide derivate dal blocco delle catene di approvvigionamento globali e dall'inasprimento delle politiche monetarie, il mercato dei GSS Bond è in una posizione ottimale per beneficiare di trend di lungo termine, come quello regolamentare e quello legato alla ricerca di investimenti sempre più “verdi”. Sette ha concluso dicendo che: “l’obbligazione verde è quindi uno strumento chiave per dimostrare il raggiungimento degli "obiettivi di sostenibilità" di una strategia di investimento. Anche gli SLB sono un tipo di obbligazione importante per il mercato, e contribuiranno a migliorare le credenziali ESG degli emittenti obbligazionari”.
Trending