Mobilità green

La sfida Bmw: “La leadership Tesla sta per finire”

Bmw punta all'ambizioso obiettivo di raddoppiare le vendite delle auto elettriche raggiungendo 200mila unità vendute entro nel 2022. Annunciati i nuovi modelli elettrici i4, i5, i7 e Mini Countryman

di Francesco Rapetti 21 Aprile 2022 13:05
financialounge -  auto elettriche Bmw smart Tesla
financialounge -  auto elettriche Bmw smart Tesla

Bmw preme l'acceleratore in maniera decisa per cercare di recuperare terreno nel campo combattuto delle auto elettriche. Finora "stritolata" dal compromesso inevitabile del non potersi esporre troppo a favore delle auto elettriche per non compromettere le vendite delle auto a combustione (ancora il 95% della casa bavarese), Bmw oggi sfida la leader indiscussa Tesla dimostrando che il proprio futuro sarà sempre più zero emission.

LE PAROLE DI BMW


Il direttore commerciale della Bmw, Pieter Nota, dichiara in una conferenza stampa a New York che “l'attenzione sarà posta su un aumento molto forte e veloce dei veicoli elettrici" sottolineando che Tesla ha potuto godere di “un punto di forza unico per diverso tempo, ma ora la sua leadeship è finita”. L’amministratore delegato di Bmw, Oliver Zipse, conferma l'ottimismo di Nota dichiarando che Bmw spingerà l'azienda ai limiti della capacità produttiva in quanto la domanda aumenterà, anche sulla base delle vendite dei nuovi modelli Bmw iX e con l'i4. Parole di assoluta convinzione da parte del management della casa dell'elica che sembrerebbero sostenute più da esigenze di marketing che da dati di vendita realmente preoccupanti per la concorrente Tesla.

I DATI DI VENDITA EV DI BMW E TESLA


Quando dal marketing scendiamo al campo dei dati tutto cambia e Tesla dimostra che la sua leadership nel campo della auto elettriche è solida; nel 2021 ha venduto 936mila vetture elettriche contro le 104mila di Bmw. Il rapporto è di quasi 10 a 1 ma stando alle previsioni (o meglio "proclami" dei diretti interessati) si riducerà nel 2022: Tesla punta a raggiungere 1,5 milioni auto prodotte entro l'anno mentre Bmw punta a raddoppiare le vendite raggiungendo le 200mila auto vendute. Insomma dal rapporto Tesla-Bmw di 10 a 1 dell'anno scorso, si passerà, se tutto confermato, ad un rapporto di 7,5 a 1; la leadership di Tesla nel campo delle full electric rimarrà forte tuttavia si stima che Bmw crescerà percentualmente molto di più 2022. E questo è un piccolo campanello di allarme per l'azienda di Elon Musk.

I PUNTI DI FORZA DI TESLA


Tesla ha dalla sua parte un grande know how nel campo delle batterie, una produzione internalizzata di tutto il gruppo motore/batterie (quindi un controllo diretto migliore dei concorrenti), una produzione molto elevata tale da poter abbattere i costi con una economia di scala vincente delle parti più costose tipiche delle elettriche (batterie in primis), un brand dall'immagine ormai consolidata a "status symbol" e non ultimo, anzi potremmo mettere in prima posizione, Tesla è l'unica azienda ad offrire ai suoi clienti una rete supercharger di ricarica proprietaria. Finché non arriveranno colonnine super fast generiche con una capillarità simile a quella dei benzinai, la rete Tesla è la "killer application" contro i concorrenti. Altro tema favorevole a Tesla è l'ottima tenuta del valore dell'usato.

I PUNTI DI FORZA DI BMW


Bmw (come d'altronde anche gli altri marchi generalisti) ha dalla sua parte una rete di concessionari capillari che Tesla non ha. Poter comprare banalmente una vettura nella concessionaria vicina a casa e sapere di poter sempre  contare su una assistenza capillare ha un valore indubbio e rassicurante per i clienti. Inoltre il marchio "Made in Germany" ha una reputazione ai vertici a livello globale per quanto concerne la qualità. Altro tema favorevole per Bmw è la sua storia prestigiosa e anche vincente nel campo delle competizioni (e quando si parla di auto questo ha il suo peso). Ultimo punto favorevole per la casa bavarese è la fidelizzazione della sua clientela. Chi compra da sempre Bmw per amore del marchio o più banalmente per questioni di leasing che si rinnovano (e quindi per non prendersi la maxi rata finale in caso di cambio di brand) tenderanno a non tradire Bmw, soprattutto considerando che ora la casa dell'elica sta presentando modelli anti Tesla davvero convincenti.

I NUOVI MODELLI ELETTRICI BMW


L'offensiva elettrica di Bmw per cercare di raddoppiare le vendite nel 2022 può contare su nuovi modelli molto avanzati, in particolare la i4, diretta concorrente della Model 3, la iX grande suv diretto concorrente della Tesla Y. Secondo la dirigenza Bmw gli ordini di questi nuovi modelli stanno riscuotendo così tanto successo che i tempi di attesa hanno superato i 6 mesi di attesa. Il gruppo inoltre ha in programma di lanciare negli Stati Uniti altri tre modelli elettrici entro il 2024: la i7 (l'ammiraglia della casa tedesca), la i5 elettrica e la Mini Countryman.
Trending