Idea in cantiere

Meta studia una valuta virtuale per il Metaverso, il nome in codice per ora è "Zuck Bucks"

L'idea è quella di realizzare un token da utilizzare su tutte le piattaforme della galassia Meta. Nel 2019 Facebook aveva provato a lanciare, senza successo, la sua criptovaluta chiamata Diem

di Redazione 7 Aprile 2022 14:59
financialounge -  Mark Zuckerberg Meta Metaverso
financialounge -  Mark Zuckerberg Meta Metaverso

Mark Zuckerberg sta lavorando al lancio di una valuta per il Metaverso. A rivelarlo è il Financial Times, che cita fonti anonime, che spiega come il progetto sia rivolto alla creazione di una sorta di token da utilizzare su tutte le piattaforme della galassia Meta: Facebook, Twitter, WhatsApp e, appunto, il Metaverso, l'ultima grande sfida lanciata da Zuckerberg.

IL NOME PROVVISORIO È "ZUCK BUCKS"


La valuta virtuale non ha ancora un nome. Per il momento, all'interno di Meta, il token viene chiamato "Zuck Bucks", nomignolo che sta più o meno per "i verdoni di Zuckerberg". L'idea è quella di mettere a punto un token sul modello di quelli già in uso su diversi videogiochi come Fortnite (V-Bucks), PUGB (UC) e Roblox (Robux). Questi token permettono ai giocatori di acquistare oggetti vari e upgrade senza utilizzare ogni volta la carta di credito.

NEL 2019 IL FALLIMENTO DI DIEM


Secondo le prime indiscrezioni, Meta starebbe anche lavorando su un token basato sulla reputazione. In pratica, gli utenti che ricevono più like o che vengono riconosciuti come "utili" per la comunità possono ricevere, oltre ai badge che già esistono, anche altri tipi di ricompense. Il nuovo progetto "Zuck Bucks" è ben diverso dalla moneta virtuale lanciata da Facebook nel 2019, denominata Diem. Progetto che, nonostante le prime adesioni anche di grandi nomi fintech, era poi naufragato nei mesi successivi.

PROGETTO PARALLELO CON GLI NFT


Tuttavia, sempre stando alle indiscrezioni rilanciata dal Financial Times, Zuckerberg non avrebbe del tutto rinunciato a un progetto sulla blockchain. Infatti, Meta sarebbe interessata a mostrare NFT (Non Fungible Token) sulle proprie piattaforme social, aprendo così un mercato anche su questo ambito.
Trending