Nuove opportunità

Generali Investments: come si può trasformare la crisi energetica in un movimento di cambiamento

Sycomore Asset Management, società di gestione parte dell’ecosistema di Generali Investments, utilizza una metodologia, ideata nel 2015, per analizzare l’intero ciclo di vita di un prodotto o servizio e valutare il suo impatto su ambiente e territorio

di Annalisa Lospinuso 30 Marzo 2022 20:00
financialounge -  ESG Francesca Mozzati Generali Investments sycomore asset management transizione energetica
financialounge -  ESG Francesca Mozzati Generali Investments sycomore asset management transizione energetica

L’aumento dei prezzi delle materie prime, i colli di bottiglia nelle catene di approvvigionamento, la guerra Russia-Ucraina e le conseguenze sulle produzioni fanno emergere tutti i difetti di un sistema ambientale e produttivo ormai allo stremo. Nel podcast “Trasformare la crisi energetica in un movimento di cambiamento”, realizzato da Generali Investments, si pone l’accento sul contributo che anche la finanza e l’economia possono dare a quella che è una vera rivoluzione energetica, ma anche culturale

IL RISCALDAMENTO GLOBALE


Francesca Mozzati, Product Specialist di Sycomore Asset Management, società di gestione parte dell’ecosistema di Generali Investments, fa notare come “l’ultimo rapporto pubblicato dall’Ipcc, il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, avverte che un surriscaldamento climatico superiore a 1,5 gradi avrebbe conseguenze irreversibili per il nostro pianeta perciò è fondamentale ingaggiare le aziende che contribuiscono alla transizione energetica”. Ora la situazione è peggiorata dall’invasione russa dell’Ucraina che ha reso sempre più consapevoli i Paesi, in particolare l’Europa, della necessità di rendersi indipendenti dalla Russia per le importazioni di gas e petrolio.

LA CRISI ENERGETICA


“La crisi energetica che stiamo vivendo - continua la Mozzati - assomiglia per alcuni versi a quella degli anni Settanta, con il gas al posto del petrolio, la cultura del risparmio e dell’efficienza energetica è nata proprio in quegli anni quando è iniziata a maturare l’esigenza di provvedere all’energia da fonti rinnovabili. Non si parlava ancora di transizione energetica né di gas serra. Oggi, con la guerra in atto, è possibile trasformare l’esigenza di risparmio energetico in un vero e proprio movimento di cambiamento culturale”.

LA STRATEGIA OLISTICA


La questione del clima non può essere considerata in maniera isolata, ma serve un approccio olistico. “Il cambiamento climatico sta alternando la biodiversità - spiega nel podcast di Generali Investments la manager di Sycomore AM - che a sua volta ha un impatto negativo sull’ambiente. Investire nell’ambiente significa oggi affrontare la questione del cambiamento climatico e della biodiversità, quindi delle risorse e della gestione dei rifiuti. L’economia circolare, l’edilizia, i trasporti, la produzione di energia sono attività compatibili con una strategia di investimento ambientale. Si tratta di un universo di investimento abbastanza ampio da fornire una diversificazione finanziaria che si adatta meglio ai cambiamenti del ciclo economico e dei tassi d’interesse”.

LA TRANSIZIONE GIUSTA


La transizione energetica non dovrebbe andare a scapito della questione sociale, ovvero l’economia verde deve andare di pari passo con la creazione di posti di lavoro e una vita dignitosa per tutti. “Spesso però è difficile da attuare - continua Francesca Mozzati - perché le decisioni prese nell’ambito della transizione climatica incontrano le resistenze dei decisori e dei governi in quanto implicano profondi cambiamenti settoriali. La scomparsa di alcune attività sembrano inevitabili, ma serve trovare un equilibrio. Integrare i criteri ambientali ma anche di social e governance (Esg) all’interno di una politica di investimento su fondi orientati ai temi ambientali”.

LA METODOLOGIA


Sycomore ha una lunga esperienza sul tema ambientale e Esg e ha ideato una metodologia per selezionare le opportunità di investimento con un approccio che abbracci più dimensioni. “La strategia Sycomore - spiega Francesca Mozzati, Product Specialist di Sycomore Asset Management - cerca di avere un impatto ambientale positivo e mira ad avere rendimenti sostenibili attraverso l’esposizione a temi d’investimento di pura transizione verde andando a selezionare quelle società che possono avere davvero un impatto positivo. La nostra metodologia, fondata da da Sycomore nel 2015 e oggi disponibile in open source, si chiama Nec (Net environmental contribution). Andiamo a misurare per ogni attività il grado di contributo e la compatibilità del suo modello economico con gli obiettivi della lotta contro il riscaldamento globale. Misura l’intero ciclo di vita di un servizio o un prodotto e il suo impatto su sei aspetti: clima, biodiversità, risorse, rifiuti, acqua e qualità dell’aria. Le conoscenze scientifiche sull’impatto ambientale progrediscono e le tecnologie si evolvono così come la nostra metodologia che è gratuita”.
Trending