Perdita netta a 8,7 miliardi

Tim a -13% in Borsa dopo i conti

Il titolo crolla a Piazza Affari, all’indomani del cda su conti e piano 2024. Labriola su Kkr: “Elementi di incertezza che rendono la proposta poco comparabile con le prassi del mercato finanziario”

di Fabrizio Arnhold 3 Marzo 2022 10:41
financialounge -  borsa conti Kkr Pietro Labriola tim
financialounge -  borsa conti Kkr Pietro Labriola tim

Il titolo Tim sprofonda a Piazza Affari (-13%) a 0,2965 euro, dopo non essere riuscito a fare prezzo nei primi minuti di contrattazione in Borsa e all’indomani dei conti. Il bilancio 2021 ha fatto registrare ricavi per 15,3 miliardi (-1,9%), Ebitda organico in flessione del 9,6% a 6,2 miliardi, perdita netta per 8,7 miliardi. Numeri al di sotto delle attese, come confermato da numerosi analisti.

OPEN FIBER PARTNER INDUSTRIALE PIÙ INTERESSANTE


Il nuovo piano di Tim che prevede la creazione di Netco e ServCo, è propedeutico “alla perdita dell’integrazione verticale di rete e nella rimanente parte dell’azienda”, ha spiegato l’ad, Pietro Labriola. “Da un punto di vista della rete se perdiamo integrazione verticale non controlliamo l'azienda e dobbiamo cercare dei partner. Da un lato potenziale partner industriale potrebbe essere Of, o partner di carattere finanziario che hanno interesse su questa attività”. E da un punto di vista industriale, Cdp con Open Fiber “è il partner industriale più interessante”.

CLOSING PER GIUGNO SU INWIT


Per quando riguarda la proposta del consorzio guidato da Ardian per la partecipazione indiretta in Inwit, “prevediamo di arrivare al closing definitivo con tutti i passaggi antitrust e golden power per giugno”, ha aggiunto Labriola. La proposta “ha implicitamente un valore di 10,75 euro per azione, tutto quanto per cassa, “è un importante step all'interno della razionalizzazione della nostra struttura del capitale”.

KKR PARTNER INDUSTRIALE PER FIBERCOP


"Non abbiamo approcciato Kkr per dire di sfilarsi dall’offerta”, ha chiarito Pietro Labriola, ad di Tim. Nella proposta del fondo, ha aggiunto, "c'è una serie di elementi di incertezza che rendono la proposta di Kkr poco comparabile con le prassi del mercato finanziario". Kkr si può considerare un partner oppure un rivale? “La coopetition è un elemento chiave, Kkr è un nostro importante partner industriale, siamo soddisfatti della relazione con loro, il dialogo costante e costruttivo su Fibercop”.

IL PIANO “TIM OUT THE BOX”


Per quanto riguarda il progetto che Tim vuole presentare a giugno, che internamente si chiama “Tim out the box”, “nei numeri di piano che abbiamo condiviso col mercato finanziario non era inclusa né la cessione di Inwit ad Adrian, né appunto questo piano”, ha concluso l’ad di Tim che ha parlato di un “market day, per presentare al mercato finanziario quelli che sono i numeri e le possibili sinergie e partner finanziari e industriali che ci potrebbero accompagnare in questo percorso".
Trending