Nuove frontiere

Con il Metaverso si apre la caccia alle prossime società da mille miliardi di dollari

Le imprese emergenti con le nuove piattaforme per il Web 3.0 sono paragonabili ai titoli FAANG del Web 2.0: per Mark Hawtin (GAM) sarà cruciale identificare i vincitori e i vinti in questa rivoluzione innovativa

di Leo Campagna 28 Febbraio 2022 18:00
financialounge -  David Baszucki GAM Investments Metaverso Roblox
financialounge -  David Baszucki GAM Investments Metaverso Roblox

Un mondo che consente di immergersi in una realtà virtuale, vivere una vita parallela, aggirarsi con i propri visori per la realtà virtuale o aumentata senza interagire con chi sta fisicamente intorno a noi, mentre ci si concentra sul mondo virtuale. Questa è solo una delle innumerevoli possibili declinazioni del Metaverso. “Non sarà un mondo nuovo completamente futuristico, bensì una versione aumentata della realtà online che viviamo ogni giorno. Sintetizzando al massimo, il metaverso è un mondo virtuale dove molte persone possono incontrarsi per giocare, socializzare o lavorare”, fa sapere Mark Hawtin, Investment Director di GAM.

L’ESEMPIO DI ROBLOX


Un esempio che aiuta a costruirsi un’idea è Roblox. Conosciuto come un videogioco di genere MMO sviluppato e pubblicato nel 2006, consente di creare i propri mondi virtuali, dove si può scegliere chi far entrare, si può socializzare con altri utenti e creare il proprio mondo tramite uno specifico linguaggio di programmazione. Tuttavia, per il suo fondatore e CEO, David Baszucki, Roblox non è un semplice gioco.

CREARE CONTENUTI IN OGNI CAMPO


“È una piattaforma che consente agli utenti di creare contenuti in ogni campo. Ci sono quasi 10 milioni di sviluppatori che creano contenuti per la piattaforma” sottolinea Hawtin. Proprio questo aspetto rende il Metaverso veramente interessante. “L’identità di un avatar online nella piattaforma virtuale può essere utilizzata in diversi contesti di contenuto, ovvero giochi, negozi, educazione e fabbriche. L’accesso può essere il più disparato – uno smartphone, un visore per realtà virtuale/aumentata, una console per videogiochi, un pc o un altro dispositivo – ma rappresenta soltanto il mezzo per sfruttare le enormi potenzialità del Metaverso”, commenta Hawtin.

LA CONFUSIONE CHE AVVOLGE OGGI IL METAVERSO


Si tratta di un concetto cruciale per evitare, almeno in parte, la confusione che oggi avvolge il metaverso. “Per esempio, il fondatore di Meta (Facebook) Mark Zuckerberg sembra più orientato alla realtà aumentata, alla piattaforma veicolo. Ma questa non è la forza trainante alla base dell’opportunità “immersiva”: è l’aspetto sociale (in senso più ampio) dove le persone comunicano e collaborano” spiega l’Investment Director di GAM. Un concetto che consente di cogliere la portata della prossima ondata dell’innovazione che aprirà non solo nuove opportunità di business ma anche un sensibile incremento della produttività in molteplici settori.

L’ANNUNCIO DI BOEING


Alcuni esempi? Nella vendita al dettaglio con i vStore, nel campo dell’analitica 3D, nell’ambito demo di prodotti, nei tour virtuali, e nella produzione e nella progettazione in campo industriale. A questo proposito è da segnalare l’annuncio di Boeing dello sviluppo di un mondo digitale costruito nella realtà virtuale e aumentata per progettare il prossimo aeroplano. “Secondo Greg Hyslop, Chief Engineer di Boeing, la via per ottimizzare e migliorare il processo di progettazione responsabile del 70% dei vizi di qualità, consiste nello sviluppare un ambiente immersivo 3D abbinato a robot che comunicano e a meccanismi collegati da visori HaloLens di Microsoft” riferisce Hawtin.

UN MERCATO DA MILLE MILIARDI DI DOLLARI


Non sorprendono pertanto le previsioni di Grayscale, piattaforma che consente di investire sulle criptovalute, secondo le quali il Metaverso rappresenterà un mercato da mille miliardi di dollari. “Probabilmente sarà anche più grande di così, alla luce del fatto che molte aziende leader nei loro rispettivi mercati, potranno scoprire una nuova fonte di ricavi e redditività nel Metaverso mentre le imprese emergenti con le nuove piattaforme per il Web 3.0 sono paragonabili ai titoli FAANG del Web 2.0. Si è aperta la caccia alla prossima società con una capitalizzazione di mercato di oltre mille miliardi di dollari e sarà cruciale identificare i vincitori e i vinti in questa rivoluzione innovativa”, conclude l’Investment Director di GAM.
Trending