Politically correct

Il profumo diventa "genderless", addio a per uomo e per donna

Sempre più marche di profumi propongono prodotti senza apporre l’indicazione del genere a cui è destinato

di Mauro Speranza 23 Settembre 2021 - 8:26
financialounge - news
financialounge - news

C’era una volta l’indicazione ‘pour femme’ o ‘pour homme’ sui profumi, ma questa sembra poter scomparire dalle scatole dei prodotti. Molte marche, infatti, stanno proponendo profumi senza indicazioni di genere, da poter vendere sia a donne che a uomini, sulla scia di un trend che si sta diffondendo sempre di più, tra il politically correct e l’opportunismo di mercato.

I PROFUMI GENDERLESS


La scelta di non apporre etichette sui prodotti è stata fatta da diverse delle aziende presenti a ‘Pitti Fragranze’, la fiera della profumeria artistica che si è svolta a Firenze tra i 17 e il 19 settembre scorsi. Tra queste c’era il brand 19-69 fondato dal fotografo e product designer Johan Bergelin. Il nome del marchio creato dal marchio svedese non è casuale: “L’anno 1969 rappresenta un'era di libertà, tolleranza e controcultura”, spiega lo stesso Bergelin, il quale sottolinea che “tutte le fragranze del marchio sono adatte a qualsiasi genere e permettono all'individuo di esplorare la bellezza oltre i confini”. Alla Leopolda erano presenti anche Atelier Oblique, brand di profumeria nato Berlino da Mario Lombardo, con le sue proposte senza genere, così come Heeley Parfums di James Heeley e le fragranze di Timothy Han Edition.

I PRECEDENTI


Già nel 1994 Calvin Klein presentava CK One, ideato da Alberto Morillas e Harry Fremont, il primo profumo che andava oltre il concetto di unisex. Un altro dei brand che già propone profumi senza distinzione è Zadig & Voltaire: “Un nuovo profumo per lei, per lui, per tutti. In una sola parola: universale”, secondo le parole della direttrice artistica del marchio, Cecilia Bönström. “Non è nostra intenzione cancellare la femminilità e la mascolinità”, spiegava Bönström, “piuttosto rappresentare l’attrazione tra un uomo e una donna, trovare un punto d’incontro”.

ALTRI PRODOTTI SENZA GENERE


I prodotti destinati sia a donne che uomini non sono una novità per il mercato. Già nel 2019 la Mattel aveva lanciato la sua collezione di bambole senza genere, chiamata ‘Creatable World’. Si tratta di bambole disponibili in diversi colori di pelle, capelli ricci o lisci, con opzioni di vestiario che consentono ai bambini di giocare con gonna o pantaloni. Il prodotto era frutto di un lavoro di 18 mesi che comprendeva una serie di colloqui con esperti, famiglie e bambini di tutte le età di genere.
Sempre nel 2019 H&M lanciava una collezione gender-neutral che minimizzava ogni differenza di genere presentato dal brand svedese Eytys, famoso per il design unisex profondamente radicato nella sua brand identity. Altro esempio di prodotti genderless è Target, la catena di Supermercati che dal 2015 ha annunciato che non avrebbe più utilizzato segni per identificare giochi per bambine o bambini nei suoi negozi.
Trending