Effetto Ferragni su Safilo: +13%

La giornata sui mercati
di Fabrizio Arnhold 13 Settembre 2021 - 9:31

La Borsa riapre tiepida su Generali dopo il patto tra Del Vecchio e Caltagirone, mentre si infiamma Safilo dopo l’accordo con Chiara Ferragni. Prezzo del petrolio in rialzo

Le Borse europee iniziano la settimana in rialzo, dopo la frenata della scorsa. A Milano il Ftse Mib apre a +0,50%, il Dax di Francoforte a +0,59%, il Cac 40 di Parigi a +0,40%, l’Ibex 35 di Madrid a +0,66% e il Ftse 100 di Londra a +0,50%. La Borsa di Tokyo archivia la giornata in positivo, con l’indice Nikkei a +0,22%. A Piazza Affari il risiko sul Leone di Trieste non accende il titolo di Generali, balzo di Safilo.

L’ACCORDO CON LA FERRAGNI

Safilo, player del mercato dell’eyewear, e Chiara Ferragni hanno siglato un nuovo accordo per il design, la produzione e la distribuzione della prima collezione di occhiali in licenza a marchio Chiara Ferragni. L’intera gamma di occhiali, da sole e da vista, verrà presentata per la Primavera Estate 20220 e sarà disponibile a gennaio 2022.

A PIAZZA AFFARI FOCUS SU GENERALI

L’attenzione degli investitori a Piazza Affari è anche per Generali (+0,60%), dopo che a sorpresa nel fine settimana Francesco Gaetano Caltagirone e Leonardo Del Vecchio hanno annunciato la costituzione di un patto di consultazione su Generali, aperto a terzi, in vista dell’assemblea per il rinnovo del cda in agenda con l’approvazione del bilancio 2021. I due imprenditori hanno una quota che arriva attorno all’11%, non lontana dal 12,93% di Mediobanca (+0,29%). Tra l’altro sia Del Vecchio che Caltagirone sono già soci di Piazzetta Cuccia.

FOCUS SULLE BANCHE

Da monitore i titoli del credito, si avvicina infatti la data del 14 ottobre, quando l’assemblea dei soci di Intesa Sanpaolo dovrà deliberare sulla distribuzione dei dividendi oltre ai 694 milioni staccati a maggio. Sotto la lente anche UniCredit che continua le trattative per rilevare asset di Mps.

PETROLIO IN SALITA

Sale il prezzo del greggio, con il Wti scadenza ottobre che sale dello 0,99%, con un barile scambiato a 70,4 dollari, mentre il Brent è in progresso dello 0,89%, a 73,57 dollari al barile. Sul fronte valutario, l’euro è indicato a 1,1785 dollari. Lo spread apre la giornata di scambi in lieve calo a 102 punti base.

Financialounge - Telegram