Cogliere il potenziale di crescita dell’ESG con le obbligazioni: le strategie di Amundi

Investimenti sostenibili
di Redazione 1 Settembre 2021 - 20:30

Amundi amplia la gamma ESG Improvers con due nuovi fondi obbligazionari che permettono di individuare i vincitori “sostenibili” di domani

La gamma Amundi Funds ESG Improvers conta da oggi due nuove strategie a reddito fisso, una dedicata al credito globale e una seconda all’high yield globale. Lanciata nel 2020, la gamma ESG Improvers è disponibile per investitori istituzionali e retail che mirano a cogliere il potenziale di crescita legato ai fattori ESG (ambiente, sociale, governance).

STRATEGIE GLOBALI

Nel dettaglio, la gamma è stata arricchita con le strategie Amundi Funds Global Corporate ESG Improvers Bond, che cerca di sovraperformare l’indice ICE Bank of America Global Large Cap Corporate (USD Hedged), e Amundi Funds Pioneer Global High Yield ESG Improvers Bond, che mira a sovraperformare l’indice ICE Bank of America Global High Yield (USD Hedged). Come per i comparti azionari, i team di investimento utilizzano un approccio dinamico lungimirante per identificare gli emittenti di obbligazioni con traiettorie ESG promettenti.

I PRINCIPI GUIDA

Sono tre i principi che guidano questa scelta: escludere gli emittenti non allineati a quanto stabilito da Amundi in ambito ESG; selezionare emittenti che sono attraenti dal punto di vista dei fondamentali e che stanno mostrando o dovrebbero mostrare un progresso reale e materiale in ambito ESG. Queste società sono identificate attraverso un processo bottom-up di analisi fondamentale che integra la metodologia ESG proprietaria di Amundi; impegnarsi attivamente con il management delle aziende nel corso dell’intero processo di investimento per comprendere e realizzare un impatto positivo sui dati finanziari e sulle credenziali ESG complessive delle aziende e costruire un portafoglio di titoli ad alta convinzione.

I CAMPIONI ESG DI DOMANI

La gamma ESG Improvers offre agli investitori l’opportunità di includere nel loro portafogli alcuni dei possibili campioni ESG di domani. Questo grazie alla grande esperienza di Amundi nell’ambito degli investimenti responsabili, con asset in gestione per oltre 798 miliardi di euro e più di 10.000 emittenti valutati sulla base del rispetto dei criteri ESG. Vincent Mortier, Deputy CIO di Amundi, ha commentato: “Con l’aggiunta delle strategie globali corporate bond e high yield gli investitori possono ulteriormente beneficiare di questo approccio innovativo, già applicato con successo all’asset class azionaria, nel reddito fisso”.

Financialounge - Telegram