Sostenibilità

Etica Sgr, ecco come impegnarsi per un uso più efficiente dell’acqua

La natura ha donato all’Italia una importante riserva di acqua, ma gli sprechi ne stanno vanificando i vantaggi. Il consumo di acqua, e più in generale la gestione della risorsa idrica, è uno dei temi prioritari di Etica Sgr

di Leo Campagna 27 Luglio 2021 - 17:00
financialounge - news
financialounge - news

Siamo il Paese in Europa che estrae più acqua dal sottosuolo: secondo l’Istat, l’84,8%. Peccato che spesso questa enorme grande disponibilità di acqua non sia gestita nel modo più efficiente. Basti sapere che ogni 100 litri immessi nella rete idrica per l’uso domestico ben 42 vengono dispersi a causa di tubi vecchi e rotti. Tuttavia, il consumo d’acqua domestico rappresenta solo una piccola voce di tutta l’acqua utilizzata in Italia.

L’AGRICOLTURA CONSUMA IL 40% DI TUTTA L’ACQUA


A livello di settori, l’agricoltura primeggia con una quota che, in Europa, si attesta al 40% del consumo d’acqua complessivo annuo. E questo nonostante soltanto il 9% dei campi venga irrigato. In Italia il consumo d’acqua per i campi, le attività forestali e la pesca ammonta a 14,6 milioni di metri cubi. In questo siamo secondi nell’Unione europea, dietro la Spagna. Siamo invece primi nella categoria “attività minerarie, manifattura e costruzioni” con 4,2 milioni di metri cubi, dove superiamo anche la Germania (che è il primo Paese manifatturiero d’Europa) che si ferma a 4,1 milioni.

OGNI ITALIANO HA A DISPOSIZIONE 215 LITRI D’ACQUA AL GIORNO


Un altro settore ‘grande consumatore di oro blu’ è quello della produzione di energia: secondo l’Agenzia europea dell’ambiente vale il 18,2% nel continente. L’acqua viene infatti utilizzata non solo per la produzione di energia idroelettrica, ma anche per il raffreddamento nelle centrali nucleari e in quelle a combustibile fossile. Per quanto riguarda invece il consumo domestico di acqua, che in Europa pesa per il 9,6% del totale, ogni italiano ha a disposizione 215 litri di acqua al giorno. Un ‘budget’ da utilizzare con criterio: per esempio 5 minuti di doccia fanno consumare tra i 75 e i 90 litri, lo sciacquone usa una quantità compresa tra gli 8 e i 16 litri mentre per lavare i piatti a mano se ne possono usare fino a 40 litri in pochi minuti.

AL MONDO ITALIA SECONDA SOLO AL MESSICO


Come se non bastasse, gli italiani in Europa sono quelli che consumano più acqua minerale in bottiglia, ben 222 litri a testa all’anno. A livello mondiale, secondo l’area di studi di Mediobanca, siamo secondi soltanto al Messico, con una spesa, calcolata dall’Istat di 12,57 euro mensili (nel 2019). “Un costo che si potrebbe ridurre (con importanti benefici per l’ambiente) usando semplicemente l’acqua fornita dagli acquedotti pubblici che è di solito di ottima qualità. Ma gli italiani non ne vogliono proprio sapere di bere l’acqua del rubinetto” spiegano gli esperti di Etica Sgr.

PROPORRE STRATEGIE SOSTENIBILI E RESPONSABILI


Lo spreco di acqua, e più in generale la gestione della risorsa idrica, è uno dei temi di dialogo di Etica Sgr con le aziende nelle quali investono i fondi. L’obiettivo è proporre strategie sostenibili e responsabili per un uso più efficiente delle risorse naturali, sia in qualità che in quantità. “Nel 2020 il dialogo con le aziende si è concentrato in particolare su gestione sostenibile dell’acqua, deforestazione, gestione dei rifiuti e riduzione della plastica” spiegano i manager di Etica Sgr.

Per approfondire i risultati del dialogo con le società e del voto nelle assemblee è possibile scaricare il Report di Engagement.

UNA COSTANTE ATTIVITÀ DI ENGAGEMENT


Nell’ambito della propria metodologia di analisi, Etica Sgr dispone di specifici criteri riguardanti le performance ambientali dei processi di gestione dell’acqua e di una specifica sezione di studio per le società che si occupano della gestione del sistema idrico integrato. “Sul tema, inoltre, svolgiamo una costante attività di engagement, anche in collaborazione con diverse organizzazioni che da tempo lavorano sul tema (ICCR, Global Compact, CDP)” concludono gli esperti di Etica Sgr.
Trending