Columbia Threadneedle: sarà un 2021 più equilibrato con opportunità in Asia

Strategia multi asset
di Virgilio Chelli 16 Dicembre 2020 - 18:20

Grazie a tre strategie di investimento centrate sia sul credito che sull’azionario, ma anche con il ricorso a derivati per contrastare la volatilità, anche nel 2020 è stato possibile generare un flusso di reddito costante

Il 2020 è stato un anno straordinario, di cui alcuni aspetti devono ancora essere risolti, soprattutto sul fronte pandemia, ma le strategie multi asset finalizzate all’absolute return, hanno consentito a Columbia Threadneedle Investments di offrire ai propri clienti la generazione di un flusso costante di rendimento reale, estraendo valore sia dal comparto del credito che dall’azionario a livello globale, riducendo fortemente la volatilità dei portafogli. E anche nel 2021 e 2022 la casa d’investimento conta di realizzare un rendimento di almeno il 4% al di sopra del tasso di inflazione.

STRATEGIE COMPLESSE

Maya Bhandari e Felicity Long, gestori di questo tipo di fondi denominati sia in euro che in dollari di Columbia Threadneedle, hanno spiegato al Roadshow virtuale ‘Multi Asset Day’ come funzionano queste complesse strategie e perché consentono di conseguire rendimenti importanti anche in tempi burrascosi come indubbiamente sono stati quelli vissuti sui mercati nel 2020. In particolare, il Threadneedle (Lux) Global Multi Asset Income mira a generare rendimento cedolare 5% annuo con controllo della volatilità, flessibile e attivo, varia l’allocazione di portafoglio a seconda dell’andamento dei mercati.

ESPOSIZIONE ALL’ACME DELLA CRISI

All’acme della crisi, tra marzo e aprile, il fondo ha subito aumentato l’esposizione agli attivi rischiosi, suscitando qualche stupore da parte di alcuni clienti, ma conseguendo buoni risultati, sia sul versante del credito che su quello delle azioni. A fronte di una dislocazione pesantissima su tutti i mercati, i gestori di Columbia Threadneedle hanno valutato che lo stimolo altrettanto enorme offerto delle autorità monetarie avrebbe impedito una crisi finanziaria, e hanno colto “un’opportunità rara” di catturare profitti sul mercato del credito e sulle azioni. “Abbiamo catturato sia la giusta qualità, sia la giusta quantità di rischio”, hanno spiegato le due esperte di Columbia Threadneedle.

CONTROLLO DELLA VOLATILITÀ

Il risultato è stato conseguito grazie a portafogli mirati, controllando la volatilità e le derive di stile, con una gestione più agile di portafoglio. Nei mesi successivi i mercati hanno recuperato molto e le valutazioni da molto convenienti sono diventate ‘piene’, quindi i fondi di Columbia Threadneedle hanno realizzato i profitti entro fine estate, ma mantenendo l’esposizione su azionario e credito, spostandosi però sulla qualità e su aree più sicure, come titoli azionari di Usa e Asia di alta qualità.

ANCHE IL RICORSO A DERIVATI

La strategia illustrata dalle esperte di Columbia Threadneedle prevede anche il ricorso a derivati, in particolare la vendita di opzioni call ‘out of the money’ su scadenze molto brevi. Questo nel momento in cui il mercato comincia a dare segni di stanchezza: si punta sul fatto che i prezzi non hanno più spazio per salire, e la vendita delle call con scadenza molto breve, intorno a un mese, genera così un cash flow positivo. Solo con questa strategia, il fondo ha generato oltre il 2% nei primi 11 mesi del 2020 e fornisce protezione in mercati deboli. In pratica tutte e tre le fonti di reddito, azioni, reddito fisso e opzioni, hanno contribuito in misura uguale alle performance, non solo nel 2020, ovviamente con utilizzo in momenti diversi, consentendo un abbattimento drastico della volatilità sull’azionario.

VERSO UN 2021 PIÙ EQUILIBRATO

Columbia Threadneedle vede ora per il 2021 un profilo rischio-rendimento più equilibrato, che si sta spostando verso una ciclicità selettiva, con opportunità sulle azioni asiatiche e i bond high yield, supportata anche dall’esito delle elezioni Usa che elimina rischi estremi, dall’attesa di vaccini numerosi e efficaci, e da una ripresa economica che si configura a V in Usa, Asia e Giappone. Le due esperte per i prossimi 12-18 mesi vedono opportunità cicliche sui mercati emergenti e in Asia in particolare, dove è stata migliore la risposta al virus e la tenuta dei consumi.

FLESSIBILITÀ E MARGINI AMPI

Le due esperte di Columbia Threadneedle hanno spiegato anche le caratteristiche di due fondi total return denominati l’uno in dollari, ma con la copertura del rischio di cambio per la clientela europea, e l’altro in euro, entrambi a cedola e entrambi real return, con l’obiettivo di generale un ritorno del 4% sopra l’inflazione, che è l’equivalente del rendimento azionario nel lungo termine, ma che viene raggiunto con 2/3 o meno di volatilità. La composizione di portafoglio è molto flessibile ed ha limiti molto ampi, che nell’azionario vanno da zero al 75%. Le esperte di Columbia Threadneedle hanno spiegato di non temere un picco di inflazione né nel 2021 né nel 2022, ma hanno anche sottolineato che il ritorno del 4% non è legato a uno specifico livello dell’inflazione sottostante al di sopra del quale deve collocarsi il rendimento.

IL POSIZIONAMENTO DI PORTAFOGLIO

Oggi il posizionamento di Columbia Threadneedle è al 47,4% in azioni, soprattutto Nord America di alta qualità e Asia emergente, sul credito al 49,8% con forte esposizione sull’high yield europeo e anche sull’investment grade globale, con una quota di liquidità contenuta al 2,9%. La struttura degli investimenti prevede comunque molte leve e numerosi sotto-portafogli: ad esempio la componente global equity income ha per natura un orientamento value, ma è previsto anche un US equity income, per essere più mirati su qualità.

Financialounge - Telegram