Tecnologia: la nuova rivoluzione dettata dall’avvento del cloud

Investire nel futuro
di Leo Campagna 19 Novembre 2020 - 18:00

Nella strategia di Invesco Global Focus Equity Fund spazio crescente ai provider software che permetteranno alle aziende di passare al cloud

Le attività che hanno modificato il modo di operare di tutte le aziende del mondo, quelle in grado di far evolvere la quotidianità di almeno due miliardi di persone, si possono contare probabilmente sulle dita di una mano. Tra queste vi rientrano a pieno titolo i personal computer (la capacità di elaborazione messa a disposizione di tutti), le e-mail (accelerazione della velocità di comunicazione), il cellulare (comunicazione più immediata, ovunque), internet (rivoluzione dell’intero modo di agire e lavorare) e i social media (con oltre 2 miliardi di utenti giornalieri attivi sui social network in tutto il mondo).

IL PASSAGGIO AL CLOUD

“A questa lista si può ora aggiungere un nuovo elemento: il passaggio al cloud”, fa presente Randall Dishmon, senior portfolio manager della strategia Global Focus di Invesco. Sebbene nessuno possegga un ‘cloud’ , l’uso dei pc e degli smartphone, l’invio di e-mail, la navigazione in Internet e il tempo trascorso sui social media, ha sempre più come denominatore comune la ‘nuvoletta’: tuttavia, secondo Dishmon, il suo impatto sul mondo sfugge ancora al radar che segnala il cambiamento.

AMAZON AWS, GOOGLE GCP, MICROSOFT AZURE

L’avvento dei data center su scala globale nell’ecosistema IT offre una soluzione rivoluzionaria per tutte le aziende: il passaggio al cloud , consente infatti di mantenere la propria azienda costantemente aggiornata in ambito informatico ottimizzando i costi e, soprattutto, evitando la corsa complessa e frenetica per restare al passo con l’innovazione. Le società ora possono affidarsi a uno degli operatori hyperscale (tra i quali Amazon AWS, Google GCP, Microsoft Azure,) per eliminare quasi del tutto la necessità di hardware, middleware, software tramite la semplice migrazione dei propri sistemi sul cloud, riducendo così significativamente non solo le complessità ma anche, e soprattutto, i costi IT.

LE SCELTE DELLA STRATEGIA DI INVESCO GLOBAL FOCUS EQUITY FUND

Dal punto di vista degli investitori, è importante riconoscerne gli impatti tenendo conto delle molteplici ramificazioni esistenti tra i fornitori di software e hardware. “Il passaggio al cloud richiede software con capacità differenti che mettono in luce un nuovo gruppo di potenziali vincitori come ServiceNow, Salesforce, Splunk, OKTA e Crowdstrike, tutti inclusi nella strategia di Invesco Global Focus Equity Fund”, sottolinea Dishmon .

IL NUOVO SOFTWARE ENTERPRISE-CLASS

In secondo luogo, è diverso il modo in cui queste società operano sul mercato. Non più con il vecchio sistema della licenza perpetua quanto piuttosto tramite modelli basati su abbonamenti che includono la fornitura di una versione del loro software come servizio e non come prodotto. Questo da un lato assicura alle aziende di essere costantemente aggiornate sul software di ultima generazione e ai provider di evitare di dover supportare più versioni software presenti sul mercato in attesa dell’upgrade da parte dei clienti. “Si tratta di un reale cambiamento epocale per le strutture aziendali. Se la tecnologia è il motore dell’ultima trasformazione, il nuovo software enterprise-class sta attualmente modificando ogni aspetto dell’operatività delle imprese, riplasmandone integralmente la struttura”, conclude il manager di Invesco.

Financialounge - Telegram