Come gli investimenti possono aiutare il clima

Asset allocation strategica
di Fabrizio Arnhold 21 Ottobre 2020 - 8:26

Ci sono modi diversi per stimare il contributo di un’asset class alle attività correlate alla transizione energetica: Aberdeen Standard Investments utilizza criteri rigorosi

Cosa si intende per “soluzioni climatiche”? Per Aberdeen Standard Investments si tratta di società e progetti che offrono soluzioni tangibili al cambiamento climatico, solitamente legate al trasporto e alla produzione di energia a basso impatto di carbonio, che possono contribuire a ridurre le emissioni globali.

STIME ESG EFFETTUATE CON CRITERI RIGOROSI

Ci sono modi diversi per stimare il contributo di un’asset class alle attività correlate alla transizione energetica. “Utilizziamo i dati Esg di MSCI per quantificare la quota dell’indice azionario MSCI World allocata alle soluzioni climatiche”, spiega Craig Mackenzie, Head of Strategic Asset Allocation, Global Strategy di Aberdeen Standard Investments, “ed elaboriamo le nostre stime altrove utilizzando criteri rigorosi”.

L’UNIVERSO DI INVESTIMENTO

L’asset class più interessante dal punto di vista delle soluzioni climatiche è quella delle infrastrutture. Energie rinnovabili, immagazzinamento dell’energia e reti intelligenti, oltre alle infrastrutture di trasporto a basso impatto di carbonio, sono fondamentali per la transizione energetica. “Una quota piuttosto importante del capitale di private equity e debito privato allocato al settore delle infrastrutture è investita in questi segmenti”, aggiunge Craig Mackenzie.

LE ASSET CLASS “CLIMATE-ALIGNED”

Investire in un portafoglio climate-aligned significa includere le stesse asset class del portafoglio diversificato, ma insieme alle loro versioni standard comprende anche alcune varianti specificatamente focalizzate sul clima. Nell’azionario, “è possibile prendere un indice standard e spostarlo verso opportunità a basso impatto di carbonio, con un tracking error ridotto”, prosegue l’analisi di Aberdeen Standard Investments. Sposandoci sul versante del credito, “gli investitori possono inserire insieme al credito standard un’allocazione di green bonds”. Il portafoglio climate-aligned comprende un’allocazione aggiuntiva alle infrastrutture orientate alle energie rinnovabili.

UN OCCHIO AI RENDIMENTI

I rendimenti di un portafoglio sostenibile sono paragonabili a quelli di uno standard? “Nel caso di una transizione energetica più rapida, la sovraesposizione a società di pubblici servizi orientate all’energia pulita sarà estremamente remunerativa”, aggiunge l’esperto di ASI. “Sarà vero invece il contrario se i governi si tireranno indietro dagli accordi presi a Parigi”. Un approccio basato sullo scenario climatico aiuta a propendere per un posizionamento sovrappesato sui settori attivi nelle soluzioni al problema del clima. Per Aberdeen Standard Investments, “è ragionevole ipotizzare rendimenti più elevati delle asset class climate-aligned”.

LE SFIDE DI UNA ALLOCAZIONE STRATEGICA ESG

La politica ha un ruolo importante nella crescita delle opportunità di investimento legate al clima. “Nell’ultimo decennio i governi europei sono riusciti ad attirare decine di miliardi di euro di capitali privati per finanziare il passaggio dal carbone alle fonti rinnovabili, tramite una serie di sussidi, sistemi di scambio di quote di emissione e normative nel campo della tecnologia”, precisa Craig Mackenzie. La strada da compiere è ancora lunga perché “i governi di tutto il mondo dovranno fornire maggiore supporto a livello politico, se intendono tenere fede agli impegni presi nell’ambito dell’accordo di Parigi”.

IL COINVOLGIMENTO DEGLI AZIONISTI

Gli azionisti in primo piano. Il loro coinvolgimento, infatti, svolgerà un ruolo importante nella creazione di opportunità a basso impatto di carbonio. “Lo stesso discorso vale per il coinvolgimento nella politica pubblica”, puntualizza Craig Mackenzie. “Se gli investitori ritengono che le energie rinnovabili non siano possibile oggetto di investimento in uno specifico mercato, a causa dell’eccessiva incertezza politica o di una progettazione inadeguata del mercato dell’energia, possono collettivamente interfacciarsi con i governi allo scopo di definire un contesto politico più favorevole”. In questo scenario, sono molti gli investitori che hanno già dichiarato di voler assumere un ruolo di maggiore rilievo nel sostenere i Sustainable Development Goal dell’ONU.

Financialounge - Telegram