Perché investire nella digitalizzazione che rivoluziona la scienza della salute

Oltre la telemedicina
di Leo Campagna 23 Settembre 2020 - 8:20

Il miglioramento della salute dei cittadini tramite l’accesso agevolato alle migliori cure possibili anche a distanza è sempre più realtà grazie alla digitalizzazione, come spiegano gli esperti di Amundi e CPR AM

Il settore sanitario è stato sicuramente tra quelli più sotto pressione nel corso della pandemia, ma ha anche avuto modo di mostrare gli enormi progressi registrati in questo campo. Tra i quali la telemedicina, l’evoluzione digitale della medicina tradizionale a cui non si sostituisce ma si affianca e la integra con nuovi canali di comunicazione e tecnologie innovative.

ACCESSO AGEVOLATO ALLE MIGLIORI CURE POSSIBILI ANCHE A DISTANZA

“L’assistenza sanitaria a distanza e la telemedicina permettono una serie di controlli da remoto sfruttando indicatori diagnostici che migliorano la salute dei cittadini tramite l’accesso agevolato alle migliori cure possibili anche a distanza. Gli operatori sanitari, per esempio, possono rispondere in modo più efficace ai bisogni delle persone che hanno contratto il virus e tenere traccia delle condizioni di salute delle persone infette”, spiegano gli esperti di CPR AM (Gruppo Amundi), la casa d’investimento che al tema delle innovazioni tecnologiche dirompenti, anche nell’ambito del settore sanitario, ha dedicato il fondo a gestione attiva CPR Invest Global Disruptive Opportunities.

IL MERCATO USA POTREBBE RAGGIUNGERE I 10 MILIARDI DI DOLLARI

La telemedicina sta fornendo un contributo essenziale al settore sanitario durante questa pandemia, anche perché si presta a molteplici utilizzi. Secondo Teladoc, leader del mercato della telemedicina negli Stati Uniti, il mercato totale USA potrebbe raggiungere i 10 miliardi di dollari con volumi simili su scala globale: stime basate anche sugli importanti impatti che l’epidemia avrà sul loro giro d’affari.

THE GOOD DOCTOR, LA PIÙ GRANDE PIATTAFORMA DELLA CINA

“In Cina, dove il virus è emerso per la prima volta, l’epidemia ha spinto i residenti, che erano preoccupati per i sintomi del Coronavirus o troppo spaventati per andare in ospedale, a utilizzare le piattaforme sanitarie online come Wenyisheng di Baidu, Alibaba Health Information Technology e The Good Doctor, la piattaforma più grande della Cina, che a fine 2019 contava già 3 milioni gli utenti paganti su base mensile”, fanno sapere i professionisti di CPR AM.

TEST COVID-19 IN 5 MINUTI

Nel frattempo, sono stati annunciati alcuni importanti miglioramenti nella diagnostica. “Ad esempio, la società statunitense Abbott ha ricevuto l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) per il suo test Covid-19 di 5 minuti alla fine di marzo. Risultati rapidi consentono agli operatori sanitari di prendere decisioni appropriate e più efficaci sul trattamento e sul controllo delle infezioni” precisano gli esperti di CPR AM.

L’ASCESA DELLA IMMUNOTERAPIA

Si segnala anche l’ascesa dell’immunoterapia che potrebbe rivelarsi cruciale nella corsa alla ricerca di un vaccino contro il Covid-19. “Il gruppo farmaceutico Pfizer ha annunciato a marzo che sta lavorando a un potenziale vaccino Covid-19 con BioNTech, un’azienda tedesca che lavora su nuovi tipi di immunoterapia”, specificano i professionisti di CPR AM.

TERAPIE BASATE SULL’RNA

Una collaborazione che riunisce uno dei più grandi e affermati marchi del settore farmaceutico con un’azienda più giovane che lavora in prima linea nelle terapie immunitarie basate sull’RNA. “I trattamenti non utilizzano campioni del virus stesso, come i vaccini tipici, ma si basano sull’RNA (una molecola polimerica che in biologia consente di codificare, decodificare, regolare i geni) per avviare la produzione di proteine abbastanza simili al virus e innescare lo sviluppo di anticorpi efficaci contro l’infezione”, concludono gli esperti di CPR AM.