BlackRock: posizionarsi per un’inflazione più forte

Strategie di investimento
di Virgilio Chelli 22 Settembre 2020 - 13:34

L’inflazione vista in rialzo dal 2025, meglio proteggersi per tempo sovrappesando i bond indicizzati e privilegiando gli asset ‘reali’ come l’immobiliare, ma anche titoli azionari selezionati

Nuove forze in campo si preparano a spingere l’inflazione più in alto delle attuali attese del mercato, il che rappresenta un cambiamento importante per l’investitore a lungo termine, che dovrebbe pensare per tempo a proteggersi e cogliere le opportunità del nuovo scenario. Lo sostiene il BlackRock Investment Institute suggerendo di sovrappesare i bond indicizzati all’inflazione a scapito dei titoli governativi in un’ottica strategica. Sottolineando che è meno costoso proteggersi quando le attese di inflazione sono ancora basse, BlackRock consiglia anche gli asset ‘reali’, come l’immobiliare, insieme a selezionati titoli azionari, privilegiando società con forte posizionamento di mercato e capacità di sopportare un aumento dei costi.

TRE FORZE IN CAMPO

Il BlackRock Investment Institute segnala tre forze in campo che spingono in direzione di un’inflazione più elevata di quella scontata oggi dal mercato, in un trend che modificherà il corso decennale di prezzi al consumo estremamente contenuti, in un contesto di ritorno sul mercato della volatilità, che potrebbe restare elevata con l’avvicinarsi delle presidenziali americane. La prima delle tre forze è l’aumento dei costi di produzione globali, la seconda è l’aumentata tolleranza delle banche centrali nei confronti dell’inflazione, mentre la terza è rappresentata dalla crescente pressione politica per mantenere i tassi di interesse bassissimi in un contesto di indebitamento elevato dei governi.

L’EFFETTO DELLO SHOCK DA COVID

BlackRock si aspetta un indice dei prezzi al consumo che tra il 2025 e il 2030 viaggi in un range medio tra il 2,5% e il 3%, sostanzialmente coerente con la recente svolta della Fed che è ora disposta ad accettare un’inflazione moderatamente sopra il target del 2%, ma anche uno scenario di inflazione decisamente più elevata delle attese implicite nei prezzi attuali di mercato. BlackRock nota che lo shock da Covid sta facendo salire i costi dei servizi ad alta intensità di contatto sociale, e anche che potrà dare un’accelerazione alla de-globalizzazione, ridisegnando le catene di fornitura globali in direzione di una maggior resilienza nei confronti di nuovi shock potenziali.

BANCHE CENTRALI CONCENTRATE SUL LAVORO

Una minor de-localizzazione delle produzioni aumenterà il potere contrattuale sui salari dei lavoratori locali, soprattutto dove il pendolo politico è più sensibile alle disuguaglianze sociali. In questo contesto inoltre, le società ‘superstar’, concentrate nel settore tecnologico, potrebbero essere favorite nel trasferire sui consumatori i costi più elevate, anche grazie alle posizioni dominanti che detengono sui rispettivi mercati. Intanto la politica delle principali banche centrali sta evolvendo in direzione della tolleranza nei confronti di un’inflazione al di sopra dei target fissati ma finora mai raggiunti, concentrandosi soprattutto sulla creazione di occupazione, a prescindere dalle possibili tensioni sui mercati del lavoro.

LA SVOLTA DELLE POLITICHE FISCALI

E infine c’è la vera e propria rivoluzione delle politiche fiscali e di bilancio in qualche modo forzata dalla necessità di rispondere allo shock inflitto dal Covid alle economie, una svolta che per ora non ha predisposto nessun tipo di ‘guardrail’ e nessuno specifico piano di uscita dalle politiche di stimolo, per cui si può prevedere che l’eventuale decisione di stringere prima o poi la politica monetaria sarà estremamente politicizzata. Per questo BlackRock Investmente Institute vede un rischio, forse poco tangibile ma non meno reale per questo, che la politica monetaria possa ‘perdere la presa’ sulle aspettative di inflazione. Lo scenario opposto, vale a dire un rientro prematuro del supporto fiscale, è un’eventualità che potrebbe verificarsi soprattutto in USA.