Epic Games si ribella

È guerra tra Apple e Fortnite

Epic Games, big dei videogiochi e sviluppatore del famoso Fortnite, reagisce all’estromissione dall’App Store lanciando una campagna contro Apple

di Antonio Cardarelli 14 Agosto 2020 15:23
financialounge -  Apple Epic Games Fortnite google smart
financialounge -  Apple Epic Games Fortnite google smart

Per ora somiglia più a una rivolta, ma presto potrebbe diventare una guerra molto cruenta tra sviluppatori di applicazioni e proprietari degli app store, ovvero Apple e Google. La prima pietra contro i giganti l’ha scagliata Epic Games, sviluppatore di una delle app più amati dai gamers nel mondo: Fortnite. E come tante altre rivoluzioni, anche questa comincia per un tributo di troppo e per ora è sfociata in una campagna globale contro Apple al grido #FreeFortnite.

SCONTRO SULLE COMMISSIONI


A scatenare l’ira di Apple e Google, che come rappresaglia hanno eliminato Fortnite dai rispettivi store, è stata la decisione di Epic Games di permettere l’acquisto dei V-buck (la moneta virtuale utilizzata nel gioco) direttamente sui propri canali e con uno sconto permanente del 20%. Il “Fortnite Mega Drop” permette di aggirare la mediazione di Apple e Google, che trattengono il 30% sulle transazioni, e consente ai giocatori di risparmiare per acquistare gadget e personalizzare i personaggi.

MERCATO DA 120 MILIARDI DI DOLLARI


Ma naturalmente per i due giganti tech rappresenta un pericolosissimo precedente: se l’esempio di Epic Games fosse seguito anche da altri sviluppatori, per i proprietari degli store di app sarebbe una debacle economica molto pesante. Il mercato globale delle app per mobile vale 120 miliardi di dollari. E con i suoi 350 milioni di giocatori nel mondo Fortnite ed Epic Games sono sicuramente tra i player principali.

LA SFIDA DI EPIC GAMES


Epic Games, un colosso valutato 17 miliardi di dollari che conta tra i suoi investitori anche BlackRock e Fidelity Investments, ha cominciato da tempo la propria battaglia contro le commissioni di Apple e Google. L’amministratore delegato di Epic Games Tim Sweeney aveva etichettato come “esorbitanti” le commissioni pratiche da App Store e Google Play.

LO SPOT… DI APPLE


Ma ora la battaglia sembra essere cominciata, e non senza un tocco di ironia. Epic Games, infatti, ha pubblicato un video-parodia che fa il verso al famoso spot Apple contro il monopolio IBM andato in onda nel 1984. La parola d’ordine è #FreeFortnite: per sostenere questa lunga guerra Epic Games ha chiamato a raccolta i suoi milioni di giocatori.


RICORSO IN TRIBUNALE


"Dobbiamo tutti scegliere di combattere una battaglia dolorosa ora o accettare un intermediario onnipotente con l'ambizione illimitata di estorcere tributi e limitare l'innovazione nei decenni a venire", ha spiegato Sweeney. Anche la tempistica dello scontro non è casuale. Come altri colossi del tech, infatti, anche Apple è nel mirino dell’Antitrust Usa per pratiche monopolistiche. Dopo l’esclusione dall’App Store Epica Games ha presentato ricorso in un tribunale della California.
Trending