La classifica delle regioni italiane con più smartworking: vince l’Abruzzo

Abruzzo
di Chiara Merico 7 Aprile 2020 - 12:20

I dati relativi alle pubbliche amministrazioni vedono la regione del Centro in testa con la totalità (100%) dei dipendenti che sta operando in modalità agile, in base alle indicazioni del decreto Cura Italia

Uno dei cambiamenti più eclatanti indotti dalla pandemia di coronavirus riguarda le modalità organizzative del lavoro: e anche tra i dipendenti pubblici, storicamente ritenuti una categoria restia alle innovazioni, lo smartworking è diventato velocemente una realtà.

ABRUZZO IN TESTA ALLA CLASSIFICA

In testa alla classifica stilata in base ai dati di monitoraggio del ministero della Funzione Pubblica c’è la regione Abruzzo, la prima in Italia ad aver attivato lo smartworking tra i dipendenti regionali e anche la regione in cui questa modalità è più diffusa: il 100% dei lavoratori regionali sta infatti lavorando in smartworking, fatte salve specifiche esigenze che richiedano la presenza fisica in ufficio.

DELIBERA DEL 5 MARZO

Il dipartimento Risorse umane della giunta regionale ha disposto “lo svolgimento del lavoro a distanza per i dipendenti dell’Ente con un provvedimento che porta la data del 5 marzo scorso, esattamente il giorno successivo a quanto indicato dal ministero”, ha spiegato l’assessore al Personale della Regione Abruzzo Guido Liris.

 

SECONDO IL LAZIO, TERZA LA PROVINCIA DI TRENTO

La media delle Regioni italiane è del 73,2% di lavoratori in smartworking, percentuale che include i telelavoristi. Al secondo posto troviamo il Lazio con una percentuale del 96,6%, seguito dalla provincia autonoma di Trento con il 94,8%. Fanalino di coda la Basilicata, dove il 48,9% dei dipendenti regionali lavora in smartworking.

Coronavirus, ecco come cambieranno il lavoro e il clima

Coronavirus, ecco come cambieranno il lavoro e il clima

ACCELERAZIONE DECISIVA

Percentuali impensabili fino a qualche mese fa: a dare l’accelerazione decisiva è stato il decreto “Cura Italia” che prevede il lavoro agile quale modalità organizzativa ordinaria. In base al provvedimento, fino alla fine dell’emergenza sanitaria lo smartworking deve essere considerato la forma ordinaria di svolgimento delle prestazioni lavorative nella Pubblica amministrazione. Lo scorso anno, in base ai dati dell’Osservatorio specializzato del Politecnico di Milano, solo il 16% delle amministrazioni pubbliche aveva adottato progetti strutturati di smartworking.

REGIONE

LAVORO AGILE

(NUMERO)

PERCENTUALE

SUL TOTALE

ABRUZZO 1.415 100%
LAZIO 4.430 96,6%
P.A. TRENTO 3.305 94,8%
TOSCANA 2.870 94,4%
LOMBARDIA 2.987 88,7%
MARCHE 1.726 83,5%
E. ROMAGNA 2.235 78,8%
SARDEGNA 2.005 78,7%
PUGLIA 2.291 78,1%
LIGURIA 950 74,2%
P.A. BOLZANO 2.800 72,8%
CAMPANIA 2.883 70,0%
PIEMONTE 1.711 68,2%
CALABRIA 944 68,2%
MOLISE 395 63,5%
UMBRIA 680 61,5%
V. AOSTA 1.480 60,4%
SICILIA 7.800 60,0%
FRIULI V.G. 1.818 55,7%
VENETO 1.428 51,9%
BASILICATA 613 48,9%

Dati al 3 aprile 2020 (Fonte: Ministero per la Pubblica Amministrazione)

Financialounge - Telegram