Inaugurata la prima nave Costa “green”, anche le crociere diventano sostenibili

Costa Crociere
di Redazione 23 Dicembre 2019 - 11:12

La Costa Smeralda alimentata a Gnl è la nave più grande della flotta e permette di ridurre le emissioni di azoto e CO2. Nel 2021 è in arrivo la gemella, Costa Toscana 

Un’innovazione per per l’intero settore delle crociere. Inaugura la prima nave della flotta Costa che utilizza come combustibile il gas naturale liquefatto (Gnl). “Costa Smeralda è la nave più bella del mondo, una sintesi di bellezza, design e tecnologia all’avanguardia”, commenta Neil Palomba, direttore generale di Costa Crociere, alla presentazione della nuova ammiraglia, a Savona. 

LA NAVE PIÙ GRANDE DELLA FLOTTA

La Costa Smeralda è la nave più grande della flotta, con 180mila tonnellate di stazza, 337 metri di lunghezza e una capacità di 6.554 passeggeri, con 2.612 cabine e 550 metri quadrati di shopping. La svolta green è rappresentata dall’alimentazione a Gnl. Questa alimentazione “pulita”, permette di eliminare quasi totalmente le emissioni di ossidi di zolfo e particolato ed è possibile ridurre le emissioni di azoto, fino all’84% e di CO2 fino al 20%. 

LA SVOLTA GREEN

Nel 2021 è in arrivo anche la Costa Toscana, la gemella della Costa Smeralda, che sarà alimentata anche in questo caso a Gnl. La scelta di alimentare con questo gas pulito la nave è stata accolta con entusiasmo dal ministro dall’Ambiente, Sergio Costa: “L’obiettivo della riduzione degli ossidi di azoto è uno dei punti principali che, come ministro dell’Ambiente, ho ribadito nel corso della Conferenza delle Parti alla Convenzione di Barcellona sul Mediterraneo che l’Italia ha ospitato a Napoli – commenta Costa -. E il varo di questa nuova nave, alimentata a Gnl, dimostra come industria e ambiente possano dialogare proficuamente per la tutela dei nostri mari e come tali obiettivi siano già concretamente alla portata del settore”. 

IL PIANO DI ESPANSIONE

Le due navi, Costa Smeralda e Costa Toscana, fanno parte del piano di espansione del gruppo che comprende 7 nuove navi in consegna entro il 2023, di cui 5 saranno alimentate a Gnl, con un investimento di oltre 6 miliardi di euro. Non solo gas pulito. La Costa Smeralda punta anche su altre tecnologie sostenibili: dal fabbisogno di acqua soddisfatto al 100 per cento dai dissalatori, al sistema di efficientamento energetico intelligente, alla particolare forma della prua che consente di spendere meno carburante. Nel 2020, Costa prevede l’assunzione di 450 assunzioni di personale italiano. 

Financialounge - Telegram