Wall Street chiude anno record e Trump ne rivendica il merito su Twitter

donald Trump
di Antonio Cardarelli 18 Dicembre 2019 - 12:47

I tre indici principali sono cresciuti in media del 25% da inizio anno, Trump si prende il merito su Twitter e attacca i Democratici alla vigilia del voto sull’impeachment

Alla vigilia del voto sulla richiesta di impeachment, Donald Trump utilizza il suo social preferito – Twitter – per sbattere in faccia ai Democratici l’ennesimo record toccato dai mercati azionari americani. E ovviamente si prende tutti i meriti di un’ascesa degli indici che sembra non conoscere pause.

IL TWEET DEL PRESIDENTE

Il tweet presidenziale è eloquente e recita più o meno così: i mercati azionari hanno segnato il 133esimo record in meno di tre anni e la sinistra vuole accusarmi di impeachment, non preoccupatevi, non ho fatto nulla di male; in realtà lo hanno fatto loro! Numeri alla mano, Trump ha perfettamente ragione sull’andamento positivo di Wall Street, e lo ha sempre rivendicato.

I TRE INDICI

I tre indici principali dei mercati Usa parlano chiaro. L’S&P 500, che raccoglie le 500 aziende americane a più grande capitalizzazione, da inizio anno ha registrato un incremento del 25% fino ad arrivare ieri a 3.192 punti. L’indice tecnologico Nasdaq ha fatto ancora meglio, con un +30% (8.823) mentre il Dow Jones Industrial Averages (30 maggiori aziende Usa) dal primo gennaio ha segnato un +21% (28.265 punti).

“Mercati, il toro continuerà a correre anche nel 2020”

“Mercati, il toro continuerà a correre anche nel 2020”

I NUMERI PARLANO CHIARO

Dall’insediamento di Donald Trump questi tre indici hanno fatto ancora meglio. L’S&P 500 ha registrato un incremento del 47% dal novembre 2016, il Dow Jones è salito del 58% mentre il Nasdaq ha guadagnato addirittura l’85%. La speranza di The Donald, ovviamente, è che prima delle elezioni del prossimo novembre gli indici possano macinare altri record.

Financialounge - Telegram