auto elettrica

Auto elettrica, i conti non tornano: Mercedes licenzia mille dirigenti

Profitti sotto pressione e bisogno di investire nella mobilità elettrica: Mercedes deve risparmiare 1,4 miliardi di euro e taglia mille dirigenti

di Antonio Cardarelli 15 Novembre 2019 11:34
financialounge -  auto elettrica daimler mercedes
financialounge -  auto elettrica daimler mercedes

L’auto elettrica è senza alcun dubbio il futuro della mobilità, ma le case automobilistiche devono chiudere i bilanci nel presente. E, possibilmente, devono farlo in positivo. Il gruppo Daimler-Mercedes sta investendo molto nell’elettrico, ma per sostenere la nuova linea produttiva ha annunciato l’intenzione di tagliare i costi per un 1,4 miliardi di euro entro la fine del 2022.

MILLE DIRIGENTI A RISCHIO


Il taglio riguarderà principalmente il personale e i dirigenti non verranno risparmiati. Anzi, come annunciato dal Ceo Ola Kallenius saranno 1.100 i manager che dovranno lasciare Mercedes. Inoltre, anche le divisioni van e camion subiranno una pesante cura dimagrante per risparmiare rispettivamente 100 milioni e 300 milioni di euro con l’obiettivo di rendere sostenibili i costi e controbilanciare l’attesa riduzione dei margini.

Mobilità sostenibile: opportunità lungo la catena del valore


Mobilità sostenibile: opportunità lungo la catena del valore





PRESSIONE SUI PROFITTI


I risparmi serviranno per finanziare i nuovi progetti del gruppo e aumentare i ricavi del 6%. Ovviamente l’auto elettrica rappresenta il progetto più importante per Mercedes, impegnata nella sfida con altri colossi dell’automobile per conquistare un mercato che, tuttavia, stenta ancora a decollare. I costi delle vetture completamente elettriche, infatti, sono ancora elevati: la ID.3 della Volkswagen costerà 30mila euro (parliamo di un’utilitaria), mentre la Model 3 della Tesla parte da 50mila euro.

GUIDA AUTONOMA E DIESELGATE


Inoltre, Daimler dovrà sostenere altri ingenti investimenti per sviluppare la tecnologia per la guida autonoma, altro ambito in cui la corsa coinvolge già colossi dell’hi-tech come Google. Senza dimenticare i costi già sostenuti dal gruppo per lo scandalo Dieselgate e il caso degli airbag difettosi dello scorso anno.

TAGLIO DEI COSTI


La ricetta del nuovo Ceo Ola Kallenius, per il momento, poggia principalmente sul taglio dei costi per spostare risorse nelle nuove sfide che Daimler-Mercedes sta affrontando. In attesa, come altre case automobilistiche, che le vetture elettriche comincino a far bene anche ai bilanci.
Trending