Accordo di Parigi

Un piano in quattro punti per la finanza sostenibile

La Commissione europea sviluppa quattro documenti fondamentali con le linee guida per un approccio green alla finanza. Come quello adottato da Etica Sgr

di Redazione 31 Luglio 2019 - 12:35

Etica Sgr, società di gestione del risparmio 100% sostenibile e responsabile, accoglie con entusiasmo il piano d’azione dell’Unione Europea per un’economia più verde e più pulita: il progetto è stato lanciato dalla Commissione allo scopo di indirizzare i capitali verso un’economia a bassa intensità di carbonio, e ha preso il via a marzo del 2018. Di recente sono stati presentati quattro documenti fondamentali sul piano d’azione e, a maggio del 2018, l’esecutivo di Bruxelles ha avviato l’attuazione delle prime misure contenute nel piano.

TRE PROPOSTE


Per mettere in atto le misure la Commissione ha introdotto tre proposte di regolamento, che riguardano: la tassonomia delle attività eco-compatibili; i benchmark low-carbon e positive carbon impact e la disclosure su rischi Esg da parte degli investitori istituzionali. Inoltre, la Commissione ha nominato il Teg -Technical Expert Group on Sustainable Finance, un gruppo di esperti che ha il compito di stabilire le linee guida sulla finanza sostenibile in Europa e di fornire consulenza su quattro specifiche tematiche.

I TEMI SUL TAVOLO


Nel dettaglio, i temi sono: la tassonomia, con priorità sui temi ambientali e, in particolare, su mitigazione e adattamento al cambiamento climatico; il miglioramento delle linee guida sulla rendicontazione delle informazioni legate al clima da parte di imprese di grandi dimensioni e di interesse pubblico (tra cui banche, asset manager, compagnie assicuratrici); l’introduzione di un Green Bond Standard europeo, ovvero una certificazione di qualità europea per le obbligazioni verdi; i criteri comuni per la costruzione di benchmark low-carbon e positive-carbon impact.

Gli investimenti sostenibili superano quota 30mila miliardi di dollari


Gli investimenti sostenibili superano quota 30mila miliardi di dollari






NUOVE LINEE GUIDA


Il Teg si è impegnato a realizzare quattro report su ciascuna delle aree tematiche indicate dalla Commissione Ue. Lo scorso 18 giugno, a Bruxelles, sono stati presentati due report finali riguardanti la tassonomia e lo standard europeo per i green bond, e un report provvisorio sui climate benchmarks and benchmarks’ Esg disclosures. Nella stessa occasione la Commissione ha anche presentato le nuove linee guida per la rendicontazione delle informazioni sul clima.

QUATTRO DOCUMENTI FONDAMENTALI


I quattro documenti fondamentali di finanza sostenibile rappresentano un’ulteriore accelerazione da parte delle istituzioni europee per giungere al rispetto degli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi (COP21). In dettaglio, i documenti riguardano: le linee guida per migliorare la comunicazione aziendale delle informazioni sul cambiamento climatico agli investitori; il sistema di classificazione Ue – la cosiddetta tassonomia europea – per determinare se un’attività economica è sostenibile dal punto di vista ambientale; la definizione di uno standard europeo per i green bond; il rapporto provvisorio sui benchmark europei sul clima e la disclosure sui benchmark Esg.

APPELLO ALLE AZIENDE


Partendo dalle proposte elaborate dal Teg, la Commissione Ue ha pubblicato le linee guida rivolte alle aziende affinché queste possano migliorare la rendicontazione del proprio impatto sul clima e le ripercussioni che il cambiamento climatico può avere sul proprio business. Sono circa 6.000 le imprese, tra aziende quotate, banche e assicurazioni, che sono obbligate a fornire informazioni di carattere non finanziario sul proprio impatto ambientale.

UNA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ SOSTENIBILI


Inoltre, la Commissione ha pubblicato tre report sulla finanza sostenibile a cura del gruppo di lavoro Teg. Il primo, forse il più importante perché fornisce le basi per gli altri (e per le linee guida), è quello sulla tassonomia europea, che ha il compito di definire il sistema di classificazione delle attività economiche sostenibili dal punto di vista ambientale.
Trending