Argentina

Mercati emergenti, le vendite sul debito in valuta locale hanno creato opportunità

La crescita USA superiore alle attese e il dollaro forte hanno alimentato una ondata di vendite: nel debito emergente in valuta locale ora ci sono occasioni di acquisto.

9 Novembre 2017 08:01
financialounge -  Argentina brasile cina colombia debito emergente dollaro indonesia J.P. Morgan Asset Management jp mercati emergenti mercati valutari messico Russia sudafrica turchia USA
financialounge -  Argentina brasile cina colombia debito emergente dollaro indonesia J.P. Morgan Asset Management jp mercati emergenti mercati valutari messico Russia sudafrica turchia USA

La crescita negli Stati Uniti, che ha sorpreso le aspettative al rialzo, e le attese di un aumento dei tassi di interesse americani sono state tra le principali cause alla base della recente ondata di vendite nel segmento del debito emergente in valuta locale. A questi fattori si devono poi aggiungere eventi specifici (in particolare Sudafrica, Messico e Turchia), determinati dal rafforzamento del dollaro USA e dall’aumento dei rendimenti dei Treasury.

“Nonostante tutti questi fattori che hanno giocato negativamente, i fondamentali dei mercati emergenti rimangono inalterati, con una crescita robusta e diffusa e un’inflazione che mostra pochi segni di accelerazione”, tiene a precisare il team Global Fixed Income, Currency and Commodities Group di J.P. Morgan Asset Management nel suo Bond Bulletin settimanale.

Anzi, il team ritiene che sia stato creato valore e conta di rafforzare, in modo selettivo, l’esposizione ai mercati emergenti in valuta locale, privilegiando le obbligazioni in valuta locale senza copertura di paesi come Indonesia e Russia, e assumendo un orientamento più cauto nel breve termine su Sudafrica e Turchia.

Scelte di portafoglio dettate anche dai fondamentali. Infatti, sebbene alcuni eventi, come quelli legati al Sudafrica e alla Turchia, abbiano pesato negativamente sui corsi obbligazionari, altri hanno sorpreso in positivo.

Tra questi, le recenti elezioni in Argentina che hanno aiutato il presidente riformista Mauricio Macri a rafforzare la sua posizione inducendo l’agenzia Standard & Poor’s ad assegnare un upgrade del rating sovrano a B+.

Di assoluto rilievo il XIX congresso del partito comunista in Cina che si è chiuso con l’impegno a continuare le politiche in atto che dovrebbe tradursi in una riduzione della probabilità di un 'atterraggio duro' dell'economia cinese: un aspetto di assoluto rilievo pe gli investitori obbligazionari.

“Lo slancio della crescita nei mercati emergenti e la generale stagnazione dell’inflazione, ha offerto alle banche centrali di Colombia e Russia l’opportunità di rendere più espansiva la politica monetaria”, puntualizza, inoltre, il team che continua a vedere spazio per ulteriori tagli ai tassi da parte di altre banche centrali di mercati emergenti, in particolare quelle di Russia, Indonesia e Brasile.
Trending