Anima Sgr

Azioni Europa, i settori preferiti ora dagli asset manager

14 Agosto 2015 12:12
financialounge -  Anima Sgr Europa Fondi azionari fusioni e acquisizioni settore farmaceutico settore finanziario telecomunicazioni
financialounge -  Anima Sgr Europa Fondi azionari fusioni e acquisizioni settore farmaceutico settore finanziario telecomunicazioni
Investire a inizio anno nei fondi azionari Europa si è rivelata essere una delle scelte migliori. Infatti l’indice dei fondi azionari Europa segna un +19,06% dal primo gennaio al 10 agosto scorso. Non solo. I risparmiatori che hanno saputo scegliere, grazie alle proprie competenze o al consiglio di un consulente finanziario di fiducia, i fondi migliori hanno potuto contare su performance molto più generose comprese tra il +24% e il +35%.

E dove hanno investito i gestori dei fondi azionari Europa più brillanti da inizio anno? Hanno sfruttato soprattutto i finanziari (in particolare le banche e le società di servizi finanziari come quelle di asset management), i beni di consumo ciclici e i beni industriali a discapito di energia, materie prime e assicurazioni. E le prospettive, secondo diversi asset manager, dovrebbero restare positive anche per i prossimi 6-12 mesi.

Tra questi figura il team gestionale di Anima che, sebbene abbia una visione neutrale in generale sui mercati azionari, conferma un’idea strategicamente positiva nel corso del 2015 relativamente all’asset class azionaria europea. “Riteniamo che il miglioramento della congiuntura economica in Europa (gli indici di fiducia di imprese, consumatori e vendite al dettaglio si consolidano) proseguirà nel corso dell’anno e supporterà il trend positivo di revisione degli utili aziendali. In particolare, la nostra preferenza per i listini dell’Eurozona rispetto a quello americano si fonda su una prospettiva migliore per la dinamica degli utili aziendali, su cui ha influito negativamente lo storno del prezzo del petrolio” commenta il team gestionale di Anima che ricorda come, attualmente e nelle prossime settimane, il focus degli investitori sarà incentrato sulla reporting season relativa al II trimestre del 2015.

Per quanto riguarda il posizionamento dei fondi europei di Anima Sgr, l’idea resta costruttiva per il settore bancario, soprattutto in merito ai titoli delle banche dell’Area Euro, viste le attese positive sulla ripresa economica, e anche sul settore delle telecomunicazioni, alla luce dell’aumento dei consumi dei dati 4G nella divisione mobile e della continua adozione di smartphone di nuova generazione; inoltre a supportare le quotazioni nei prossimi trimestri sarà anche il tema M&A (fusioni e acquisizioni). Il giudizio, inoltre, viene confermato ancora una volta a favore del comparto farmaceutico. Visione invece ancora negativa per il comparto dei titoli industriali, dei titoli petroliferi, alla luce della continua pressione al ribasso sul prezzo del petrolio, e in generale su quello delle materie prime: basti pensare che l’oro ha toccato i minimi da cinque anni a questa parte.
Trending