diversificazione

Un continuo cambiamento degli investitori

5 Giugno 2013 - 19:00
financialounge - news
financialounge - news
Oltre il 75% della raccolta da inizio anno è confluita in fondi obbligazionari flessibili, high yield e dei mercati emergenti.

Pioneer Investments continua a registrare un cambiamento nelle preferenze dei risparmiatori all’interno del mercato obbligazionario. La ricerca di rendimenti più elevati ha infatti spinto gli investitori verso prodotti fixed income caratterizzati da un maggior contenuto di rischio come i fondi high yield o i fondi specializzati nei mercati emergenti e verso prodotti flessibili che consentono di cogliere le opportunità presenti nei diversi segmenti del mercato obbligazionario. Questa tendenza è confermata dai dati di raccolta complessivi che hanno visto confluire in queste strategie oltre il 75% dei flussi da inizio anno.

“La prolungata fase di mercato caratterizzata da bassi tassi di interesse sta accentuando la necessità di ricercare altre fonti di valore. I rendimenti dei titoli governativi dei paesi cosiddetti “sicuri” non sono in grado di garantire risultati accettabili per gli investitori. In questo scenario, le strategie obbligazionarie flessibili, che investono nelle diverse aree del reddito fisso, sono state particolarmente apprezzate dai clienti.

Queste ultime rappresentano delle valide soluzioni per i risparmiatori alla ricerca di rendimenti più appetibili, poiché permettono di beneficiare di un’ampia diversificazione e flessibilità di gestione in tutti i segmenti del reddito fisso, insieme ad un forte controllo del rischio”, ha commentato Sandro Pierri, CEO di Pioneer Investments.

Questa tendenza è stata osservata da Pioneer Investments in diverse aree geografiche in cui la società è presente, come l'Asia, l'America Latina, la Germania, la Francia e la Spagna, e in diversi segmenti di clientela.

In particolare nella clientela istituzionale che ha contribuito per il 70% allo sviluppo del nuovo business. Pioneer Investments ha registrato una raccolta netta di circa 3 miliardi di Euro a livello globale nel primo trimestre del 2013 e si posiziona al quarto posto per vendite di fondi obbligazionari in Europa.
Trending