beni di consumo

Wall Street, profitti record nel 2012

31 Gennaio 2013 - 6:00
financialounge - news
financialounge - news
Per conoscere i dati definitivi del quarto trimestre e, quindi, dell’intero anno 2012 occorrerà aspettare ancora alcune settimane. Ma dalle prime anticipazioni sui bilanci aziendali delle corporation USA relative ai tre mesi ottobre-dicembre, il tasso di crescita dei profitti è circa del 3% superiore allo stesso periodo del 2011.

Proiettato sui 12 mesi dell’anno, si potrebbe avere un incremento del 5% circa dei profitti aziendali con gli utili dell’indice S&P500 ai massimi, a quota 102,89 punti. Tenuto conto che l’indice viaggia intorno ai 1.480 punti, il rapporto prezzo / utili (p/e) si attesta a quota 14,4: nel 2007, quando fu registrato il massimo storico dell’indice a quota 1.565 punti il 9 ottobre, il p/e si attestava a quota 18,4.

Ma c’è di più. Se le stime di incremento degli utili 2013 delle società americane fossero confermate, quest’anno il monte profitti dovrebbe toccare un nuovo massimo a quota 112,92 punti che farebbe quindi scendere il p/e a 13,1. Tornando ai dati del 2012, i settori che hanno messo a segno le migliori performance in tema di aumento degli utili sono stati i finanziari (+20,3%), i beni di consumo discrezionali (+9,5%), gli industriali (+5,4%), i beni di consumo di prima necessità (+4,1%), la tecnologia (+3,0%) e l’healthcare (+2,3%).
In arretramento, al contrario, i profitti annui dei settori materiali di base (-12,1%), energia (-8,6%), utilities (-6,5%). Stabili sui valori 2011, infine, gli utili delle aziende del settore telecom.
Trending