Affari&Finanza

L'industria del Risparmio - 24 dicembre 2012

27 Dicembre 2012 - 13:00
financialounge - news
financialounge - news
Un fondo comune d’investimento o un comparto di una sicav possono essere ad accumulazione oppure a distribuzione dei proventi. Il prodotto ad accumulazione, come dice la parola stessa, per regolamento accumula le cedole obbligazionarie e i dividendi azionari nel portafoglio utilizzando la liquidità per nuovi investimenti.

Al contrario, un fondo a distribuzione dei proventi liquida in contanti un dividendo al sottoscrittore, con una certa periodicità (una volta all’anno, ogni sei mesi, ogni trimestre o anche una volta al mese). Possono essere sia comparti a indirizzo obbligazionario che a vocazione azionaria.

Nel primo caso si tratta di fondi comuni nel cui portafoglio sono presenti prevalentemente titoli obbligazionari, sia governativi che societari. Nel caso di fondi azionari a distribuzione dei proventi, i titoli in portafoglio sono costituiti soprattutto (ma non esclusivamente) da società che riconoscono ai soci cedole generose.

I prodotti a distribuzione dei proventi stanno riscuotendo un nuovo crescente successo di pubblico dopo che per circa un decennio, tra il 1998 a il 2007, erano quasi del tutto scomparsi in Italia. Si tratta infatti di prodotti particolarmente adatti ai risparmiatori affezionati alle cedole periodiche dei titoli di Stato (come, per esempio, quelle dei Btp e dei Cct) ma anche ai cosiddetti cassettisti azionari, cioè a quella schiera di investitori che puntano su titoli azionari solidi per incamerarne i dividendi azionari annuali e, in seconda battuta, per ottenere una rivalutazione del prezzo di Borsa nel medio lungo termine.

I fondi a distribuzione dei proventi sono particolarmente graditi dalle famiglie italiane in quanto i dividendi liquidati nel corso dell’anno possono essere utilizzati per vari scopi: dalla integrazione del reddito o della pensione annua al pagamento della retta scolastica ai figli, dal finanziamento a una spesa per la casa alla quietanza di un viaggio o una vacanza.

Tuttavia, se le cedole incassate dovessero restare parcheggiate sul conto corrente sarebbe meglio optare per un fondo ad accumulazione dei proventi.
Trending