Fidelity incoronata fra i migliori gestori a livello globale

Andy Weir
19 Dicembre 2012 - 20:00

Citywire, il più autorevole sito di rating a livello internazionale, ha selezionato 3 gestori di Fidelity fra i migliori Manager di fondi distribuiti in Italia.

Fra i gestori dei fondi distribuiti in Italia, 3 fra i primi 10 della classifica di Citywire, sono gestori di Fidelity Worldwide Investment. Fidelity si posiziona, così, al top della classifica stilata dall’autorevole sito di rating britannico.

“Siamo particolarmente orgogliosi di questo riconoscimento – commenta Paolo Federici, Country Head per l’Italia di Fidelity Worldwide Investment – perché premia la dedizione con la quale, da molti anni, ci impegniamo per offrire ai nostri clienti prodotti d’eccellenza in tutte le asset class e per soddisfare a 360 gradi le necessità degli investitori. L’approccio di Fidelity è quello di partire dai bisogni degli investitori e di utilizzare le straordinarie risorse globali della nostra Società per sviluppare prodotti che consentano ai clienti di raggiungere i propri obiettivi, siano essi la crescita del capitale, il reddito supplementare o la stabilità degli investimenti”.

Tra i primi 10 gestori premiati per il mercato italiano ci sono Bryan Collins, Andy Weir e Rick Patel. La classifica si basa su criteri rigorosamente quantitativi e valuta i rendimenti ponderati per il rischio di tutti i fondi disponibili a livello mondiale e a livello nazionale, su un periodo di osservazione di 3 anni.

Bryan Collins, gestore di fondi obbligazionari asiatici e globali, fra cui FF China RMB Bond Fund, illustra la sua view di mercato: “In questa fase ritengo che ci siano numerose ragioni per guardare con interesse alle obbligazioni denominate in Renminbi. Questo mercato può offrire rendimenti interessanti e minore volatilità rispetto ad altre aree. In particolare, per gli investitori europei l’universo delle obbligazioni Dim Sum denominate nella valuta cinese può offrire accesso a un mercato in forte crescita, composto dal debito sia di emittenti cinesi che di aziende internazionali. Inoltre, l’elevato potenziale di apprezzamento del Renminbi nel lungo periodo e le qualità di questa valuta in termini di diversificazione valutaria, rendono le obbligazioni denominate nella valuta cinese un investimento particolarmente interessante. La cautela è, tuttavia, importante in un mercato giovane quale il mercato Dim Sum e, per questa ragione, preferisco evitare le obbligazioni ad alto rendimento e quelle senza rating, focalizzando invece gli investimenti sulle emissioni ad alto merito creditizio degli emittenti più affidabili, mantenendo così un profilo difensivo”.

Andy Weir, gestisce diversi fondi obbligazionari, fra cui FF Emerging Market Inflation-linked Bond Fund che investe in obbligazioni in valuta locale indicizzate all’inflazione dei Paesi emergenti e FF Global Strategic Bond Fund, un fondo obbligazionario globale flessibile che investe in 5 diverse tipologie di obbligazioni. “Ciascuna fase di mercato – afferma Weir – è caratterizzata da scenari e opportunità specifiche e i buoni risultati ottenuti dipendono in gran parte da una corretta diversificazione e da un giusto bilanciamento dei portafogli. In questa fase specifica ritengo che, nonostante le prospettive di crescita economica siano ridotte, la massiccia immissione di liquidità da parte della Federal Reserve favorirà un aumento delle pressioni inflattive a livello globale. Le obbligazioni indicizzate all’inflazione, specialmente quelle dei mercati emergenti sono, dunque, particolarmente interessanti in quanto ben posizionate per beneficiare sia dell’apprezzamento delle valute dei Paesi emergenti, che del previsto aumento dell’inflazione negli stessi mercati”.

Rick Patel è il gestore di FF US Dollar Bond Fund e di FF Global High Grade Income Fund, che è un fondo unico al mondo nel suo genere, in quanto investe in obbligazioni governative, con duration breve (massimo 2 anni), emesse da 10 Paesi con elevato merito creditizio. Questo fondo consente di diversificare l’esposizione valutaria attraverso investimenti in emissioni denominate in 10 valute differenti ed emesse in massima parte da Paesi sviluppati particolarmente solidi. Il fondo è disponibile anche nella classe a distribuzione mensile delle cedole, così da offrire agli investitori una fonte di reddito supplementare stabile e costante.

La strategia di investimento di Fidelity Worldwide Investment è caratterizzata da una gestione fortemente attiva, basata sulla ricerca proprietaria condotta grazie a una struttura unica a livello internazionale, che può contare su oltre 300 professionisti che operano in tutti i principali mercati internazionali. La conoscenza accurata delle diverse aziende consente di selezionare le società con i fondamentali più solidi e con le migliori prospettive di crescita in ciascun contesto di mercato. Questo porta alla generazione di risultati d’eccellenza in termini di rendimenti ponderati per il rischio, dal momento che l’obiettivo primo dell’intera gamma di fondi Fidelity è quello di generare rendimenti interessanti in modo sistematico e continuo, riducendo al contempo, quanto più possibile, i rischi per gli investitori.

Per offrire la massima trasparenza Fidelity ha scelto, inoltre, di essere una Società indipendente, non attiva in altri business e non quotata, così da evitare conflitti di interesse che possano comprometterne l’impegno a operare nell’esclusivo interesse dei clienti.

Financialounge - Telegram