banche centrali

Italia terza per riserve auree

23 Novembre 2012 - 8:00
financialounge - news
financialounge - news
Il prezzo dell’oro è sostenuto dagli acquisti delle banche centrali dei Paesi in via di sviluppo.

La conferma arriva dal Brasile, che dopo aver riaperto il dossier sull’oro in settembre dopo 4 anni di astinenza, ha comprato in ottobre altre 17,2 tonnellate di metallo giallo portando le proprie riserve auree al livello più altro degli ultimi 11 anni: 52,5 tonnellate.

In ottobre, secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI) gli acquisti di oro delle banche centrali sono ammontati a circa 40 tonnellate.

Nonostante questi imponenti acquisti, il podio degli Stati con le maggiori riserve auree al mondo, in base al bollettino di luglio redatto dal World Official Gold, è costituito da Stati Uniti con 8.155 tonnellate, Germania con 3.396 tonnellate e Italia 2.451 tonnellate.
Trending