Affari&Finanza

L'industria del Risparmio - 12 novembre 2012

13 Novembre 2012 - 13:00
financialounge - news
financialounge - news
Osservando il portafoglio delle famiglie italiane, così come lo fotografa ogni anno Banca d’Italia, si nota che sono presenti un numero notevole di differenti tipologie di strumenti finanziari: dal deposito bancario alle giacenze in conto corrente, dai libretti postali, alle polizze vita, dai fondi comuni ai comparti di sicav estere, dai prodotti previdenziali alle obbligazioni bancarie e societarie, dalle partecipazioni azionarie ai certificati di deposito.

Tuttavia tutti questi strumenti, anche i più sofisticati (come per esempio quelli finanziari collegati alla Borsa piuttosto che gli etf obbligazionari) rientrano in quelli che vengono definiti investimenti tradizionali.

Sono invece denominati investimenti alternativi, tutte quelle forme d’impiego dei risparmi che non rientrano nell’ambito delle azioni, delle obbligazioni e della liquidità e degli strumenti finanziari direttamente o indirettamente collegati a queste asset class. Tra le principali forme d’investimento alternativo figurano gli investimenti nel mattone e i fondi real estate: in particolare, ma non solo, i Reits e i fondi immobiliari chiusi.

Sono considerati alternativi in quanto il loro andamento, in termini di quotazioni, è statisticamente poco correlato all’andamento dei mercati finanziari ma segue dinamiche cicliche di lungo termine.

Altri importanti impieghi alternativi sono poi gli strumenti d’investimento dedicati alle materie prime: prodotti, tra i quali i più diffusi sono gli etf (exchange traded fund) e gli etc (exchange traded commodity), che consentono di prendere posizione sui metalli industriali (come, per esempio, rame, zinco, nickel, alluminio, piombo), sui preziosi (oro, argento, platino, palladio), sull’energia (petrolio, gas naturale), sui generi alimentari e agricoli (cereali, soia, zucchero, cacao).

Infine, sempre tra gli investimenti alternativi più diffusi, si segnalano gli hedge fund e i fondi Ucits III che replicano alcune delle strategie hedge quali, per esempio, la long short equity, la event driven, la managed future, la macro e la convertible arbitrate.
Trending