diversificazione

Paesi emergenti e valute locali

7 Novembre 2012 - 19:00
financialounge - news
financialounge - news
Nell’articolo “Emergenti sempre più interessanti” pubblicato il 5 novembre sul FinanciaLounge si sottolineavano i punti di forza del debito dei Paesi in via di sviluppo rispetto a quello dei Paesi occidentali.
Allo stesso modo, però, si raccomandava, vista la complessità del mercato, l’investimento tramite gestori professionali con risorse dedicate e competenze specifiche: è il caso del team di gestione di Pioneer Investments che ha una lunga e profonda conoscenza dei mercati emergenti e consistenza di risultati. Una casa d’investimento che ha nel fondo Pioneer Funds - Emerging Markets Bond Local Currencies uno dei suoi fiori all’occhiello.

Negli ultimi 10 anni le obbligazioni emergenti in valuta locale hanno mostrato bassi livelli di correlazione dei rendimenti con le altre asset class, dai titoli obbligazionari dei Paesi sviluppati ai benchmark azionari come gli indici MSCI World e MSCI EM, rappresentando un efficace strumento di diversificazione capace di offrire un significativo contributo al miglioramento del profilo di rischio-rendimento del portafoglio. Anche in corrispondenza della crisi finanziaria scoppiata nel 2008, le correlazioni dei rendimenti in euro si sono mantenute basse, evidenziando l’opportunità per l’investitore europeo di aumentare l’allocazione alle obbligazioni dei mercati emergenti in alternativa a quelle dei mercati sviluppati.

L’investimento nelle obbligazioni dei paesi emergenti in valuta locale consente di beneficiare delle migliori prospettive di crescita economica e dei fondamentali più robusti di questi paesi rispetto ai Paesi Sviluppati. I vantaggi dell’investimento sono:
1) rendimenti superiori a parità di rating rispetto a quelli dei paesi sviluppati
2) possibili guadagni in conto capitale per effetto della gestione delle diverse curve dei rendimenti
3) potenziale apprezzamento delle valute locali
4) diversificazione dei rischi di portafoglio data la bassa correlazione con i rendimenti delle altre asset class.

Il fondo Pioneer Funds - Emerging Markets Bond Local Currencies è gestito da Greg Saichin, in Pioneer Investments dal 2000 e a capo di un team dedicato al Debito Emergente e High Yield, composto da 6 gestori con un’esperienza media nel settore di circa 15 anni. I gestori si avvalgono della collaborazione del team di analisti del credito, composto da 9 professionisti. La gestione è attiva e l’esposizione ai fattori di rischio cui è esposto il portafoglio (paese, emittente, valuta e liquidità) è movimentata in funzione sia dell’evoluzione del quadro congiunturale sia dell’obiettivo di contenere la volatilità assoluta del portafoglio, integrando analisi macroeconomica e fondamentale, analisi quantitativa e risk budgeting. La costruzione del portafoglio, sotto un attento controllo e monitoraggio dei rischi, prevede un’ampia diversificazione per paese e valuta, rigorose regole di stop loss, investimenti selettivi nei corporate bond locali, strategie di copertura ove necessario.
Trending