ANASF

Promotori finanziari, no all’albo Oam

17 Ottobre 2012 - 7:00
financialounge - news
financialounge - news
Sono circa 7.000 le lettere di protesta al Governo spedite dai promotori finanziari contro l’obbligo d’inscrizione al nuovo albo gestito dall’Organismo degli agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi (Oam).

L’iniziativa, supportata dall’Anasf, l’associazione di categoria dei promotori, e condivisa dall’Abi (Associazione Bancari Italiana) e da Assoreti (l’associazione delle principali società di promotori finanziari del nostro Paese), si pone l’obiettivo di ottenere l’esonero di iscrizione all’albo Oam che risulterebbe aggiuntiva a quella già prevista all’Albo dei promotori finanziari (Apf).

Proprio oggi, è in calendario la risposta, da parte del Ministero dell’Economia, all’interrogazione parlamentare presentata sul tema in commissione Finanze del Senato.



Per maggiori dettagli: www.anasf.it
Trending