Africa

Quella marcia in più degli emergenti EMEA

6 Agosto 2012 - 22:00
financialounge - news
financialounge - news
Tra le aree emergenti più dinamiche si sta distinguendo l’EMEA. I paesi emergenti Europa, Medio Oriente e Africa, (ricordiamo che nel paniere azionario MSCI EM EMEA, trovano spazio la Repubblica Ceca, l’Egitto, l’Ungheria, il Marocco, la Polonia, la Russia, la Turchia e il Sudafrica) stanno dimostrando infatti di avere numeri molto interessanti sia sotto il profilo dei fondamentali economici che sia sotto quello dei risultati di Borsa.

In base alle ultime stime degli analisti internazionali, mentre gli Usa dovrebbero crescere del 2,1% quest’anno e dell’1,6% nel 2013, e l’Eurozona del -0,3% nel 2012 e dello 0,9% l’anno prossimo, gli Emerging EMEA dovrebbero essere in grado di aumentare il Pil del 3,5% quest’anno e del 4,2% nel 2013. Un trend sostenuto soprattutto, ma non solo, da Russia, Turchia e Polonia.

Il quadro congiunturale della Russia si sta stabilizzando con la produzione industriale e il consumo privato che hanno fornito dati più positivi del previsto. Anche l'economia turca continua ad evidenziare un buon dinamismo con dati relativi alla produzione industriale meglio delle attese. L'indice dei direttori d'acquisto ha superato la soglia dei 50 che indica una propensione ad una ulteriore espansione economica.
Molto solido pure il quadro congiunturale della Polonia dove la crescita economica vanta un valido supporto soprattutto dal consumo interno: bene anche la produzione industriale e l'inflazione scesa al disotto della soglia del 4%.

In questo contesto, non deve quindi stupire che anche dal punto di vista delle performance di Borsa, peraltro sicuramente più importanti per gli investitori, gli Emerging EMEA abbiano fatto meglio negli ultimi due e tre anni della media generale dei Paesi emergenti.

Dal 13 luglio 2010 al 13 luglio 2012, l’indice MSCI EM EMEA ha guadagnato il 3,0% contro lo 0,11% dell’MSCI Emerging markets global equity index (fonte: Rimes.com). Negli ultimi 36 mesi, dal 13 luglio 2009 al 13 luglio 2012, invece, mentre dell’MSCI Emerging markets global equity index si è apprezzato del 45,92% l’MSCI EM EMEA ha messo a segno un rialzo in euro del 54,33% (fonte: Rimes.com).
Trending