acqua

Acqua: la risorsa del futuro

18 Giugno 2012 20:00
financialounge -  acqua commodities fusioni e acquisizioni livello di rischio Luca Di Patrizi megatrend orizzonte temporale Pictet Privatizzazioni specializzazione tematico
investitori sono alla ricerca di impieghi in tematiche di lungo termine che permettano di svincolarsi dalle tendenze di breve periodo dei mercati. Il business dell’acqua, trattato su FinanciaLounge nell’articolo del 15 giugno “Partecipare alla rivalutazione del settore acqua” si configura come un tipico investimento tematico: si tratta cioè di un’idea d’investimento di lungo periodo, trasversale ai tradizionali settori merceologici.

“Il settore dell’acqua rappresenta un’eccellente opportunità d’investimento, relativamente poco conosciuta dai risparmiatori. In effetti questo settore si rivela oggi un’isola felice in un mercato globale spesso caratterizzato da situazioni di iper-offerta” puntualizza Luca Di Patrizi, Direttore Generale di Pictet in Italia a FinanciaLounge che poi aggiunge: “Banca Pictet ha cominciato a studiare le aziende operanti nel settore idrico alla fine degli anni ’90 lanciando poi il primo fondo al mondo specializzato sul megatrend dell’acqua nel Gennaio 2000. Con un attivo di 2,3 miliardi di euro oggi il fondo Pictet – Water è il più grosso comparto al mondo specializzato sul settore dell’acqua, una risorsa ancora più strategica e fondamentale del petrolio per assicurare lo sviluppo economico e una buona qualità di vita. Nel portafoglio del fondo Pictet – Water sono presenti diversi sub-settori: quello delle utilities, quello alimentare (con le aziende che si occupano di imbottigliamento e distribuzione di acqua minerale) e anche il settore industriale, con le aziende che costruiscono macchinari e tecnologia per il trattamento e la depurazione dell’acqua (impianti di desalinizzazione, disinfezione di acque reflue, ecc.)”.

L’universo d’investimento del fondo è costituito da circa 150 titoli che a tutt’oggi sono caratterizzati da valutazioni di borsa modeste e solidi fondamentali.

“Il settore rimane ancora estremamente frammentato con un elevato potenziale per un consolidamento che nei prossimi anni porterà ad un’intensa attività di fusioni ed acquisizioni e quindi ad una ulteriore crescita dei corsi di borsa. Anche in termini di profilo rischio-rendimento il settore dell’acqua risulta attraente rispetto al resto del mercato. Negli ultimi 5 anni l’universo delle aziende operanti nel settore idrico ha generato rendimenti superiori rispetto agli altri settori, eccezion fatta per quello energetico, a fronte del quale peraltro ha registrato una volatilità più contenuta” conclude Luca Di Patrizi.

Clicca qui per maggiori dettagli sul fondo.
Share:
Trending