Obbligazioni: come poter guadagnare anche in caso di rendimenti negativi

di Redazione

Gli esperti di Goldman Sachs Asset Management illustrano le strategie di investimento attive che possono generare rendimento anche in un contesto di tassi negativi

In presenza di rendimenti prossimi allo zero o negativi, gli investitori obbligazionari molto spesso vanno alla ricerca di ritorni più elevati spostandosi su altre aree geografiche, scadenze più lunghe o rating più bassi. Nella recente pubblicazione “A low yield world”, gli esperti nel reddito fisso di Goldman Sachs Asset Management si sono posti l’obiettivo di sfatare il mito secondo cui l’investimento in obbligazioni con rendimenti modesti o negativi non possa generare total return positivi, illustrando diverse strategie di investimento attive che gli investitori possono impiegare anche in un contesto di mercato come quello attuale.

SE I TASSI CALANO ULTERIORMENTE, I PREZZI DEI TITOLI SALGONO

Si può guadagnare anche sui titoli a rendimento negativo: se si acquista un’obbligazione con rendimento negativo e la si mantiene fino a scadenza, si incorre in una perdita, ma se i rendimenti si spostano ancora di più in territorio negativo, è ancora possibile ottenere plusvalenze positive. E’ quanto si è verificato quest’anno, con i rendimenti che sono calati, grazie al mutato atteggiamento delle banche centrali. E i total return, anche al netto degli effetti valutari, sono aumentati. Secondo gli esperti di Goldman Sachs AM, questo dimostra anche che “nei mercati obbligazionari un contesto di rendimenti bassi o negativi può essere più sostenibile e persistente di quanto molti investitori avrebbero pensato prima di questo ciclo”.

IL COSTO DI INVESTIRE IN VALUTA

In un mercato caratterizzato da tassi bassi o negativi, spesso gli investitori tendono a ricercare rendimenti più elevati sui mercati esteri. Ma i differenziali di rendimento non rappresentano di per sé un vantaggio, in quanto bisogna tenere in considerazione anche i costi della copertura valutaria (il c.d. hedging), che possono erodere o eliminare del tutto il vantaggio di rendimento. Un esempio è dato dal Treasury Usa a 10 anni, il cui rendimento supera in media dell’1,5% quello dei titoli di pari durata dei mercati del G-10, ma diventa negativo di 40 punti base a cambi coperti.

Goldman Sachs non vede una recessione Usa. Fed, ultimo taglio a ottobre

Goldman Sachs non vede una recessione Usa. Fed, ultimo taglio a ottobre

STRATEGIE RELATIVE VALUE

Le strategie di investimento attive, invece, comprendono le strategie “relative value”, che consentono di cogliere le opportunità che possono derivare dai disallineamenti tra le curve dei tassi di due Paesi o mercati, e quelle basate sulle aspettative di movimenti della curva. Una decisione sui tassi da parte di una banca centrale non ancora prezzata dal mercato rappresenta, ad esempio, una potenziale opportunità di investimento che viene generalmente strutturata per essere neutrale dal punto di vista direzionale e che si realizza sottopesando il mercato in cui i rendimenti sono destinati ad aumentare, rispetto a quelli in cui i rendimenti rimangono invariati o ci si aspetta che calino, anche nei casi in cui i tassi dei due Paesi siano negativi.

APPROFITTARE DEI MOVIMENTI DELLE CURVE DEI RENDIMENTI

Le curve dei rendimenti non sempre si muovono in modo parallelo e gli investitori attivi possono prendere posizione in previsione di una variazione della loro inclinazione. Se si prevede, ad esempio, un appiattimento della curva per effetto di un aumento dei rendimenti nel breve periodo, un investitore potrebbe vendere obbligazioni a breve scadenza e passare a quelle a lunga scadenza. La stessa view può essere espressa attraverso l’uso di derivati (potrebbero essere venduti future a breve o medio termine) o utilizzando swap sui tassi d’interesse, dove l’investitore paga un tasso fisso e riceve pagamenti a tasso variabile.

OPPORTUNITÀ DAL ROLL DOWN

Un altro modo per guadagnare sull’inclinazione della curva dei rendimenti è quello di approfittare delle opportunità di “roll down“, la strategia che prevede l’acquisto di obbligazioni a lunga scadenza e la loro vendita dopo 2 o 3 anni, per trarre profitto dal loro aumento di prezzo dovuto all’inclinazione positiva della curva. Un’altra possibilità è rappresentata dal “carry trade”, prendere cioè a prestito capitali e investirli in strumenti finanziari dal rendimento superiore al costo del finanziamento. In un portafoglio “unconstrained”, non soggetto a vincoli, fanno notare gli esperti di GSAM, l’investitore può ottenere un rendimento positivo se l’acquisto di un’attività a rendimento negativo, ad esempio un Bund a 30 anni, viene finanziato a un tasso di interesse inferiore al rendimento obbligazionario.

Si consiglia agli investitori di effettuare investimenti solo se dispongono delle necessarie risorse finanziarie per far fronte a un’eventuale perdita dell’intero investimento. Prima di effettuare un investimento, i potenziali investitori sono invitati a rivolgersi ai propri consulenti fiscali e finanziari, per determinare se tale operazione sia compatibile con le loro esigenze. La performance passata non garantisce i risultati futuri, che possono variare. Il valore degli investimenti e il reddito che ne deriva subiranno fluttuazioni e potranno aumentare così come diminuire. Possono verificarsi perdite di capitale. Il presente materiale non costituisce una ricerca finanziaria e non è stato preparato da Goldman Sachs Global Investment Research, né è stato predisposto in conformità alle disposizioni di legge volte a promuovere l’indipendenza dell’analisi finanziaria e non è soggetto al divieto di effettuare operazioni di trading a seguito della distribuzione di ricerche finanziarie. I pareri e le opinioni espressi sono validi unicamente alla data di questa pubblicazione e potrebbero differire dai pareri e dalle opinioni di Global Investment Research o di altri uffici o divisioni di Goldman Sachs e società collegate. Goldman Sachs International non è tenuta a fornire alcun aggiornamento.

Nel Regno Unito, questo documento costituisce una promozione finanziaria ed è stato approvato da Goldman Sachs Asset Management International, società autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority. I riferimenti a indici, benchmark o altre misure della performance di mercato relativa registrata in un determinato periodo di tempo hanno valore unicamente informativo e non implicano che il portafoglio raggiungerà risultati analoghi. La composizione dell’indice può non riflettere la strutturazione del portafoglio. Sebbene il portafoglio sia strutturato in modo da riflettere adeguati livelli di rischio e rendimento, le caratteristiche del portafoglio possono scostarsi da quelle del benchmark. Il presente documento è fornito unicamente a fini di formazione e non deve essere interpretato come una consulenza di investimento né come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari. Le performance passate non sono garanzia di risultati futuri, che possono variare. Il valore degli investimenti e il reddito che deriva da essi subiranno oscillazioni e possono tanto diminuire quanto aumentare. Si può verificare una perdita di capitale.

Riservatezza

Nessuna parte di questo materiale può, senza il previo consenso scritto di GSAM, essere (i) riprodotta, fotocopiata o duplicata, in qualsiasi forma, con qualsiasi mezzo, o (ii) distribuita a qualsiasi persona che non sia un dipendente, un funzionario, un amministratore o un agente autorizzato del destinatario.

© 2019 Goldman Sachs. Tutti i diritti riservati. Compliance Code : 180828-OTU-1056947

Rawpixel / iStock / Getty Images Plus


FinanciaLounge
3 Ottobre 2019
Partner
Top