La selezione degli advisor aumenta la competizione sul mercato

I fondi comuni d’investimento e i comparti di sicav sono tra i più trasparenti strumenti del risparmio gestito. Infatti il sottoscrittore ogni giorno ne conosce il valore della quota (e quindi del capitale), sa che la banca depositaria vigila sulla separatezza tra il capitale del fondo e quello della banca che lo ha collocato, e, grazie al prospetto informativo, è in grado di verificare chi lo gestisce.

A questo proposito è importante ricordare che la società di gestione del fondo può delegare a un altro soggetto, che prende il nome di advisor, la gestione del portafoglio del comparto. Esistono vari tipi di delega gestionale sebbene le due principali siano quella cosiddetta interna e quella cosiddetta esterna (in outsourcing).

Nel primo caso la società di gestione delega a un asset manager interno al gruppo di appartenenza la gestione e il tutto avviene nel perimetro del gruppo a cui il sottoscrittore si è affidato. Quando invece l’advirsor è in outsourcing, la società di gestione seleziona un asset manager al di fuori del proprio gruppo. Per farlo effettua delle ricerche incrociate sugli standard qualitativi e patrimoniali dell’asset manager, tra le quali la competenza in quella specifica categoria di investimento in cui verrà data delega gestionale, l’esperienza maturata dal team di gestione che sarà chiamato a guidare il fondo, i risultati ottenuti negli ultimi anni, e le performance corrette per i rischi corsi.

Lo sviluppo del mercato degli advisor in outsourcing deve essere visto come un importante elemento capace di incrementare l’efficienza del mercato. Infatti tutti gli asset manager, da quelli più grandi per patrimonio in gestione fino alle boutique specializzate su singoli mercati o asset class, sono interessate a confrontarsi sulla qualità del servizio da loro reso nel loro complesso. D’altro canto, la possibilità di essere chiamati a dirigere, in delega gestionale, le operazioni di asset allocation e di compravendita dei titoli per conto di un’altra casa d’investimento o banca, offre all’asset manager l’opportunità di ampliare la propria visibilità e di ottimizzare le economie di scala.




FinanciaLounge
25 Settembre 2012
Partner
Top