La bolla dell’”influencer economy” sta già per scoppiare?

di Chiara Merico

I compensi per i post sponsorizzati continuano a crescere, ma secondo il Wall Street Journal gli utenti cominciano a fidarsi meno dei suggerimenti su prodotti e lifestyle

L’era degli influencer è già finita? Mentre in Italia viene annunciato il primo corso di laurea dedicato a quella che in molti definiscono la professione del futuro, da oltreoceano sembrano giungere i primi segnali di crisi. Come rivela il Wall Street Journal, la capacità degli influencer di creare interesse nei confronti di un determinato brand – in pratica, ciò che consente loro di guadagnare – è infatti in netto calo.

PERCENTUALI IN CALO

In un anno la quota delle persone che “premiano” con un like un post sponsorizzato su Instagram è scesa in media a circa il 3,5%. In particolare sono calate le percentuali relative ai post di viaggio (dall’8% al 3,5%) e a quelli sul settore del food (dal 6,7% al 3,2%)

I CONSUMATORI FANNO LA TARA

“I consumatori sono in grado di capire se chi promuove un prodotto lo fa perché è davvero interessato o perché sta solo tentando di spingerlo”, ha spiegato al Wsj Anders Ankarlid, ceo della società di cancelleria online A Good Company. “La bolla sta iniziando a scoppiare”.

UN MERCATO IN CRESCITA, MA ANCORA DI NICCHIA

Questo non vuol dire che i pubblicitari possano ignorare i social media. Secondo Mediakix, un’agenzia di marketing specializzata, nel 2019 le aziende spenderanno una cifra compresa tra 4,1 e 8,2 miliardi di dollari a livello globale per far promuovere i loro prodotti dagli influencer. Una cifra ben più alta dei 500 milioni del 2015, ma solo una piccola parte dei 624,2 miliardi a cui ammonta la spesa globale per la pubblicità.

PREZZI IN AUMENTO

Per ora quello dell’influencer resta un mestiere redditizio, con i guadagni in crescita del 50% rispetto al 2017. Secondo Mediakix, i prezzi per un post Instagram vanno dai 200 dollari per quelli di un influencer da 10mila follower (o meno) fino agli oltre 500mila per le celebrities con milioni di follower. A quanto pare, però, la tendenza sta per invertirsi.

metamorworks / iStock / Getty Images Plus


FinanciaLounge
21 Ottobre 2019
Partner
Top