Azionario Europa, per Barclays Piazza Affari meglio di Francoforte

di Redazione

Gli analisti azionari di Barclays suggeriscono un sovrappeso della zona euro rispetto al Regno Unito, con Italia e Francia da preferire a Spagna e Germania. Cautela, invece, nell’esposizione ai mercati emergenti

Piazza Affari e Parigi sono da preferire a Madrid e Francoforte nella zona euro che, a sua volta dovrebbe essere privilegiata dagli investitori rispetto alla Borsa di Londra. Sono alcune delle indicazioni espresse dagli analisti dell’Equity research di Barclay in uno studio rilasciato oggi.

NEL 2020 CRESCITA DELGI UTILI DEL 5% POSSIBILE

Ma procediamo con ordine. Per gli esperti azionari di Barclays, i risultati aziendali del terzo trimestre non sono stati brillanti ma si possono definire decenti alla luce del contesto macro in forte rallentamento. Per il 2020, condizioni di base più favorevoli e le aspettative di un modesto aumento della crescita del PIL globale, dal 3,1% al 3,3%, insieme ai margini di profitto resilienti, fanno ritenere possibile ai professionisti di Barclays una crescita degli utili intorno al 5%.

ZONA EURO MEGLIO DEL REGNO UNITO

La prima raccomandazione degli analisti di Barclays è per un sovrappeso (OW, overweight) sulla zona euro rispetto al Regno Unito in quanto la riduzione dell’incertezza sulla Brexit potrebbe generare un significativo rialzo della sterlina nel caso di accordo con la Ue: le azioni della Borsa di Londra sono trainate dalle esportazioni e potrebbero essere danneggiate da una valuta più forte.

ITALIA E FRANCIA DA PREFERIRE A SPAGNA E GERMANIA

Nella zona euro, sempre in base ai consigli degli esperti di Barlcays, da sovrappesare sono Piazza Affari e Parigi a discapito di Madrid e Francoforte: la Germania è fortemente ciclica mentre la Francia è più diversificata. Le azioni italiane, invece, sono economiche – in base ai parametri di Borsa come il rapporto prezzo – utili (p/e), il prezzo patrimonio netto (p/bv) – e, inoltre, non sembrano incorporare del tutto la compressione degli spread dei BTP rispetto al Bund.

Amundi: la flessibilità è d’obbligo in un contesto incerto

Amundi: la flessibilità è d’obbligo in un contesto incerto

MEGLIO I TITOLI VALUE A QUELLI GROWTH

Uno sguardo anche agli stili di gestione. Le azioni di qualità e crescita (growth) appaiono care e sovrappesate nei portafogli degli investitori mentre i titoli value sono economici e con valutazioni sacrificate. Inoltre i rendimenti obbligazionari in forte calo potrebbero aiutare i titoli value a ritrovare smalto.

CAUTELA SUI MERCATI EMERGENTI

Infine, i professionisti di Barclays consigliano di fare attenzione all’esposizione ai mercati emergenti. Il motivo? Il dollaro forte e la persistente incertezza commerciale sono un ostacolo per i paesi in via di sviluppo nonostante le autorità di Pechino cerchino di rilanciare l’attività cinese e ci siano i presupposti per una pausa nella guerra commerciale.




FinanciaLounge
20 Novembre 2019
Partner
Top